San Benedetto e Tagliacozzo: una ditta per 3 impianti fotovoltaici. I soci stranieri

Assalto alla Marsica. In arrivo altri 3 mega impianti fotovoltaici: 13 MWp di potenza, 22 ettari di terreno occupati, oltre 10 milioni di euro d'investimento. E il mistero sui soci stranieri

Non c’è uno senza tre. Dopo il progetto da 5,8 MWp del campo fotovoltaico localizzato a San Benedetto dei Marsi, la società Energia seconda srl ne ha presentati altri due a Tagliacozzo: uno da 2, 8 MWp e uno da 4,7 MWp.

L’iter autorizzativo dei 3 progetti – attualmente tutti pubblicati sul sito della Regione Abruzzo – è nella fase della presentazione delle osservazioni da parte degli aventi diritto.

Ma i numeri in gioco per i tre impianti sono importanti: superficie complessiva occupata 22 ettari di terreno, potenza istallata 13,34 MWp e investimento complessivo dichiarato dalla ditta 10,6 milioni di euro. E ancora una volta un fiume di incentivi prelevati dalle nostre bollette che prendono il volo. Allora la prima domanda è: Chi è la ditta proponente e chi sono i soci? Per trovare la risposta, proviamo a partire dalla coda, cioè dalla società proponente i 3 impianti.

Energia seconda srl

La società proponente i tre mega impianti è la Energia seconda srl, costituita nel giugno 2009 con sede a Campobasso, via Contrada San Giovanni in Golfo 140. L’Amministratore unico è Gianfranco Gagliardi, domiciliato anche lui a Campobasso, mentre il capitale sociale di 10mila euro, interamente versato, è detenuto al 100% dalla Amaranto Holding spa.

Quote sociali nel flipper

Una storia movimentata, quella delle quote della Energia seconda srl, che schizzano in tutte le direzioni come la pallina d’acciaio nel flipper.

La Amaranto Holding spa è diventata socio unico della Energia seconda srl il 21 gennaio 2020, acquistando il 100% delle quote dalla Marseglia amaranto green srl (all’epoca denominata Amaranto green srl).

Sette giorni prima, il 14 gennaio 2020: si erano però verificati curiosi passaggi di quote: la Marseglia amaranto green srl acquista il 25% delle quote della Silver ridge power Italia srl e il 25% detenuto da Stefano Ruscitto, domiciliato a Campobasso. Ma acquista anche il 50% delle quote già detenute dalla Amaranto Holding spa: la stessa, cioè, a cui le rivenderà in blocco solo 7 giorni dopo.

Ma si erano già verificati altri turbolenti passaggi di mano di quote sociali. Nel febbraio 2019 la Amaranto holding spa cede alla Silver ridge power italia srl il 25% delle quote; mentre a marzo 2019 l’Amaranto Holding spa riacquista il 50% delle quote da Marcantonio Bracale, domiciliato a Roma. Otto anni prima, il 1 marzo 2011, altro giro di valzer: l’Amaranto Holding spa acquista il 25% delle quote di Giovanni Bracale (domiciliato a Roma, amministratore della società fino al 2014) che a sua volta ne acquista il 25% da Stefano Ruscitto e un altro 25% da Marcantonio Bracale,che a sua volta acquista il 25% detenuto da Domenico Massi, domiciliato a Milano.

Amaranto Holding: un socio per 3 impianti

A controllare al 100% la società proponente i 3 impianti è Amaranto Holding spa, società per azioni costituita nel febbraio 2010 con sede legale a Milano, via Podgora 15.

Presidente del consiglio di aministrazione è Antonello Amoroso, consiglieri Mariarosaria Amoroso e Gianfranco Gagliardi (amministratore unico anche nelle Energia seconda srl).

L’Amaranto Holding spa ha partecipazioni in queste altre società:

Energia seconda srl 100%; Ottavia srl 4%; Amaranto SPV 1 srl 100%; Amaranto energia e sviluppo srl 20%; Consorzio Altair; Amaranto srl 100%; Marseglia – Amaranto energia e sviluppo srl 20%; Amaranto SM srl 50,1%; Silver ridge power Italia srl 100%; Modula srl 65%. Tutte queste srl hanno capitale sociale compreso tra i 10mila e i 20mila euro, tranne una: Modula srl (di cui Amaranto Holding spa detiene il 65%), che conta un capitale sociale di 1 milione e 10mila euro.

L’80 % del capitale in mano a società estere

Il capitale sociale della Amaranto Holding amonta a 120mila euro e risulta così suddiviso: Alessandro Amoroso 10%, Mariarosaria Amoroso 10%. E poi Cesenasta LLP (cittadinanza: Gran Bretagna) 20%, Amaranto investements est (cittadinanza: Romania) 60%.

Come è evidente, il capitale della Amaranto holding spa – proprietaria della Energia seconda srl che vuole realizzare i 3 mega impianti fotovoltaici di San Benedetto dei Marsi e Tagliacozzo – è all’80% in mano di società estere. Di cui non si conoscono i soci.

LEGGI ANCHE:

FOTOVOLTAICO MARSICA: INCHIESTA COMPLETA

ENERGIE ALTERNATIVE MARSICA: INCHIESTA COMPLETA

Print Friendly, PDF & Email