Furioso incendio in corso nel nucleo industriale di Avezzano (Foto e video)

Furioso incendio in corso nel nucleo industriale di Avezzano. Altissime fiamme stanno divorando la sede del Centro riciclo Casinelli srl, azienda che si occupa di recupero e smaltimento di rifiuti di ogni genere. Una densa colonna di fumo nero si innalza nel cielo per centinaia di metri. NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Immagini del rogo riprese dal drone

Sul posto posto forze dell’ordine e numerose squadre dei vigili del fuoco Si odono continue esplosioni e crolli che scuotono anche le strade intorno all’impianto. Ad alimentare l’incendio sarebbero soprattutto materiali plastici e cartacei.

Aggiornamento ore 1:16

Incendio ancora in corso, crollati i tetti di alcuni capannoni in fiamme. Continuano a sentirsi esplosioni molto forti. Il fuoco ha raggiunto il deposito di Berto Savina e lambisce un capannone che ospita una mensa industriale, che rifornisce di pasti numerose scuole ed enti della zona: la struttura è fortemente a rischio.

Secondo notizie ufficiose l’incendio si sarebbe sprigionatopoco dopo le 23: ad accorgersi dell’incendio e a chiamare i Vigili del fuoco sono state alcune guardie armate che assicurano la vigilanza notturna nella sede di Tekneko. Ancora ignote le cause che hanno provocato il rogo. Sembra invece acclarato che l’origine dell’incendio sia proprio il centro di riciclo rifiuti Casinelli.
Sul posto al lavoro le squadre dei vigili del fuoco di Avezzano, L’Aquila, Chieti, Teramo e Rieti, che stanno cercando di raffreddare con grossi getti d’acqua i capannoni limitrofi per contenere le fiamme ed evitare che l’incendio si estenda alle industrie adiacenti.

Aggiornamento ore 3

L’incendio continua a divampare e si odono ancora esplosioni e crolli delle coperture dei capannoni. I Vigili del fuoco continuano il loro lavoro raffreddando con getti d’acqua le facciate e le coperture degli edifici adiacenti per circoscrivere l’area dell’incendio. Un traliccio con diverse antenne per trasmissioni wireless, avvolto dalle fiamme, è al limite del cedimento strutturale e rischia di schiantarsi al suolo.

Alcune squadre di vigili del fuoco si sono ora spostate, dopo aver tagliato le catene dei cancelli, su un capannone abbandonato da qualche tempo da un’azienda fallita, ma che sarebbe tuttora pieno di pile di grosse bobine di carta. Le pareti di questa struttura, raggiunta dalle fiamme, sono ora irrorate con getti d’acqua per raffreddarle e impedire che le fiamme penetrino all’interno.

SULLO STESSO ARGOMENTO:

Print Friendly, PDF & Email