È una città che non cessa di stupire, Avezzano; essa è un pozzo di san Patrizio per le mie pubblicazioni. Riprendo dai post precedenti – il primo della serie era intitolato Questione di casting –, nel senso: incontri del sindaco con varie associazioni a ridosso delle Amministrative di maggio; parlo dei commercianti stavolta. (È meglio precisare subito: un conto è un’associazione dei commercianti e ben altro chi svolge davvero quel lavoro).

Dopo la crisi finanziaria (fine 2008), le associazioni di categoria hanno chiesto una mano al sindaco e lui ha promesso che sotto il suo mandato non ci sarebbe mai stata l’isola pedonale. (Sorge spontanea la domanda: chi l’aveva reclamata?). Le stesse associazioni si sono lamentate per i mancati incassi durante l’anno e il primo cittadino ha rimediato con le bancarelle natalizie in piazza A. Torlonia. È stata poi la volta delle tasse troppo alte, e così le stesse bancarelle sono state spostate nel catino di piazza Risorgimento. (Più di uno si è lamentato perché queste facevano concorrenza sleale nei confronti degli «onesti commercianti» che pagano le tasse fino all’ultimo centesimo). Gli affitti sono alti e il sindaco dichiara di voler ricavare una sorta di «salotto» al centro; si comincia perciò con la (mezza) Notte bianca e i circenses. (In tal caso si adirarono i proprietari dei bar perché i villici che raggiungevano la capitale della Marsica erano poco propensi a spendere). Gli affitti crescono ancora ed è chiesto al sindaco di mediare con i proprietari degli immobili e l’Amministrazione non fa pagare i parcheggi nelle strisce blu nel periodo natalizio. (È come se i sorci ricorressero a un calamaro o a un cervo per evitare d’essere catturati dai gatti). Questa è una breve rappresentazione degli ultimi anni, con qualche imprecisione, tra il serio e il faceto ma la sostanza non cambia.

Tra qualche ora s’incontreranno le associazioni di categoria con l’assessora al Commercio [ore 16, 27 febbraio 2017]: in qual modo s’impegnerà la seconda, a nemmeno tre mesi dalle Amministrative? Segnalo però un paio di novità degli ultimi giorni. La prima è una scoperta di Confesercenti: i suoi iscritti non hanno diritto alla cassa integrazione o a tutele analoghe. (L’associazione racconta queste cose a una città di 42mila anime, tra l’altro). La seconda è più interessante, secondo me: il primo cittadino sorprende tutti l’altro ieri, mostrando i dati che indicano una ripresa registrata nel comparto commerciale avezzanese sotto il suo mandato e addossando buona parte di responsabilità per quanto riguarda l’aumento degli affitti ai proprietari d’immobili. D’altra parte… («Vedendo dove il nemico è pieno e dove è vuoto, non occorre prendersi il fastidio di elaborare piani complicati: è sufficiente mantenersi concentrati», Zhang Yu).

«Le saracinesche abbassate…», «Le saracinesche abbassate…», «Le saracinesche abbassate…», è stato ripetuto (a pappagallo) per anni. Che cosa inventeranno adesso i suoi concorrenti alle prossime Amministrative, soprattutto quelli che hanno già incorporato tale abusato mantra nelle prime dichiarazioni programmatiche? [28 febbraio 2017]

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email