Tagliacozzo, frana l’inchiesta – Assolto Tellone: “il fatto non sussiste”

di Angelo Venti e Claudio Abruzzo

Assolto perché il fatto non sussiste. E’ una assoluzione con formula più che piena quella messa nero su bianco dal giudice collegiale della Corte d’appello dell’Aquila (Presidente Gargarella) nei confronti dell’architetto Carlo Tellone.

Frana così fragorosamente l’impianto accusatorio della Procura di Avezzano nell’inchiesta portata avanti dai carabinieri sotto la guida del maggiore Edoardo Commandè: non solo l’imputato Tellone alla fine è risultato innocente dalle accuse mosse contro di lui, ma secondo i giudici della Corte d’appello “non sussiste” nemmeno il fatto.

Tellone l’11 dicembre 2018 era stato condannato in primo grado, con rito abbreviato, a 2 anni e 8 mesi per i reati di concussione e turbativa d’asta nell’ambito della famigerata inchiesta “Marsica mani Pulite” che, nel 2016 a Tagliacozzo, aveva portato alla caduta anticipata dell’amministrazione comunale e all’arresto dell’ex sindaco Maurizio Di Marco Testa.

Poche ore fa, appena il giudice di Corte d’appello ha pronunciatato la sentenza di assoluzione nei suoi confronti, L’architetto Tellone ci ha contattato e, evidentemente emozionato, ha tenuto a rilasciarci questa dichiarazione telefonica, che pubblichiamo con piacere:

“Sono due anni – tanto è passato dalla mia condanna in primo grado – che aspettavo di fare questa telefonata. Ho chiamato prima voi di site.it e solo in seguito avviserò mia moglie perché siete stati gli unici giornalisti a vedere e a scrivere ciò che gli altri non hanno voluto vedere.

D’altronde le carte parlavano chiaro: un’indagine, scaturita dall’accanimento giudiziario di alcune persone, che non sarebbe dovuta arrivare nemmeno in primo grado. Ho scelto di fare il rito abbreviato in primo grado perché non volevo che i reati a me contestati finissero prescritti”.

Soddisfazione anche da parte di Antonio Milo, avvocato difensore di Tellone:

Sono molto contento. E’ stata una sentenza liberatoria che ha totalmente sconfessato le accuse del super teste della procura Alfonso Gargano. È stata un’affermazione di giustizia che rappresenta un esempio per tutti coloro che sono stati vittime del sistema giudiziario, una speranza a non demordere mai. Oggi abbiamo scongiurato un grande errore giudiziario “.

Come SITe.it torneremo sull’argomento con maggiori dettagli, non appena i giudici della Corte d’appello dell’Aquila renderanno note le motivazioni della sentenza.

ARTICOLI SULLO STESSO ARGOMENTO:

Inchiesta Tagliacozzo – Superteste della Procura Gargano non supera nemmeno l’esame del Pm

Svista, fuoco amico o tiro di sponda? Inchiesta Capistrello: archiviato esposto contro SITe.it

Capistrello – Nuovo rinvio udienza preliminare per campo sportivo

Inchiesta di Capistrello – Dario Bucci, la “terza campanella” della Procura (4)

Mani pulite nella Marsica – Tagliacozzo: il “peccato originale” di un’inchiesta esemplare (3)

Capistrello – Tangenti al cimitero: ’A livella della Procura (2)

Capistrello e Tagliacozzo, radiografie di due inchieste esemplari (1)

« Esiste, dunque, un giudice a Berlino ». Mannaia del GUP sull’inchiesta di Tagliacozzo: la sentenza

Inchiesta di Tagliacozzo: una giornalista come “agente provocatore” della Procura?

TAGLIACOZZO – L’inchiesta si sgonfia: le decisioni del GUP e le dichiarazioni dei difensori degli imputati

Capistrello, “La trattativa” – Udienza del riesame …e Ciciotti si dimette

Capistrello – “L’Asservimento della stampa alla politica” sotto la lente deformante della Procura

Inchiesta di Capistrello: le cose che non si dicono

CAPISTRELLO – Arresti all’alba, impegnati 50 carabinieri

ARRESTI DI TAGLIACOZZO – Il braccialetto del sindaco

Print Friendly, PDF & Email