Ospedali – Opposizione Tagliacozzo: “a galla bugie del sindaco e del Pd”

COMUNICATO STAMPA

“Per anni siamo stati soli a denunciare i rischi, mentre Giovagnorio copriva le bugie del PD abruzzese.”

Tagliacozzo. Dopo la polemica innescata dal deputato abruzzese del PD Camillo D’Alessandro, intervengono i quattro consiglieri comunali di opposizione di Tagliacozzo, che da due anni segnalano i rischi per l’Ospedale Umberto I contenuti nel decreto Lorenzin e nella programmazione sanitaria della Giunta D’Alfonso. D’Alessandro accusa il nuovo Governo nazionale di non aver accettato la deroga per i piccoli ospedali abruzzesi per i quali è prevista la dismissione dei Punti di Primo Intervento.

“Siamo felici che -oggi che è all’opposizione in Parlamento e che si avvicina la campagna elettorale per le regionali- anche il Partito Democratico si renda conto di ciò che i suoi ministri e i suoi assessori alla sanità hanno scritto negli atti che riguardano la programmazione sanitaria dell’Abruzzo. Noi denunciammo la prevista dismissione del PPI di Tagliacozzo nell’agosto del 2016 e, per due anni, siamo stati insultati dal sindaco Vincenzo Giovagnorio (che guida una Giunta targata PD) e dall’assessore regionale Silvio Paolucci (PD). Carte alla mano, chiedevamo che si prendesse atto ci ciò che i governi del PD avevano scritto nei loro atti programmatori e chiedevamo di cambiarli; loro intanto negavano la realtà di ciò che era scritto nero su bianco e ci accusavano di fare allarmismo. A questo punto, visto che con due anni di ritardo si accorge anche lui del problema, chiediamo all’on. D’Alessandro: perché l’assessore Paolucci, nel marzo 2017, invitato al Comune di Tagliacozzo dal sindaco che lo applaudiva in prima fila, metteva in scena il suo teatrino volto a negare la verità dei fatti? E chiediamo al sindaco Giovagnorio: perché, invece di schierarsi da subito a difesa del territorio, ha prima impedito la discussione su questi temi e ha poi coperto per due anni, con false rassicurazioni, le bugie dei suoi referenti politici? E perché ancora oggi continua a tacere sui rischi che corre il nostro ospedale? A causa di tutto ciò, per anni il problema è stato colpevolmente tenuto sotto silenzio. Noi da soli abbiamo continuato a denunciare i rischi, a tenere alta l’attenzione dei cittadini, a chiedere impegni precisi e ad auspicare una mobilitazione unitaria a difesa del diritto alla salute. E oggi torniamo a chiederlo. Ma chiediamo anche un passo indietro, con le doverose scuse, da parte di chi ha mentito ai cittadini di Tagliacozzo e ha messo gli interessi politici di parte al di sopra dell’interesse generale del territorio e del malato.”

Iconsiglieri comunali di opposizione Vincenzo Montelisciani, Romana Rubeo, Maurizio Di Marco Testa, Angelo Poggiogalle

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email