Ospedale Avezzano – Sindaco Giovagnorio: “parteciperò sit in di venerdì 18 dicembre”

Si moltiplicano le adesioni alla manifestazione promossa dalla Cgil. “Spero siano presenti anche gli altri colleghi sindaci", ha dichiarato il sindaco di Tagliacozzo Vincenzo Giovagnorio. Il sit in, che si terrà sul piazzale dell'ospedale di Avezzano, è a sostegno del personale sanitario, dei cittadini che necessitano di cure e dei giornalisti che raccontano e denunciano lo sfascio della sanità marsicana.

COMUNICATO STAMPA

16 dicembre 2020

IL SINDACO DI TAGLIACOZZO PARTECIPERÀ AL SIT-IN IN FAVORE DEL PERSONALE SANITARIO INDETTO PER VENERDÌ 18 DICEMBRE ALLE ORE 10 DAVANTI ALL’OSPEDALE DI AVEZZANO

Nel pieno rispetto delle normative precauzionali anti covid-19, il Sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio, parteciperà al sit-in indetto dal sindacato in favore di medici, infermieri e operatori sanitari, che si terrà venerdì prossimo, 18 dicembre, alle ore 10, davanti all’Ospedale di Avezzano.

“Spero siano presenti anche gli altri colleghi sindaci – ha dichiarato Giovagnorio – con i quali ieri (15 dicembre) ho sottoscritto, una nota a sostegno e in difesa del personale sanitario della provincia di L’Aquila.

Ho sposato in pieno la motivazione addotta dal sindacato per promuovere una manifestazione a difesa dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori che sono sul campo sin dall’inizio dell’emergenza; ma anche dei giornalisti che hanno scelto di raccontare e denunciare con caparbietà la situazione in cui versa la nostra sanità provinciale; e dei cittadini e delle cittadine che necessitano di cure”.

Il sit-in del 18 dicembre è stato organizzato per manifestare il dissenso verso l’atteggiamento adottato dalla direzione generale della ASL1, minaccioso e intimidatorio verso chi denuncia le inefficienze del sistema sanitario ed incapace di affrontare e ricercare le dovute soluzioni alle problematiche che si sono presentate nel tempo.

La seconda ondata pandemica ha travolto la nostra Provincia, ha fatto emergere le molteplici criticità dei nostri presidi ospedalieri senza trovare le necessarie soluzioni.

I vertici della ASL 1 hanno preferito continuare a rincorrere l’emergenza, anche durante i mesi estivi, piuttosto che programmare nuovi interventi su personale, laboratori, tracciamento, medicina territoriale e tecnologia. Si legge nel comunicato stampa del sindacato che ha indetto la protesta.

“La garanzia delle cure, della sicurezza, della libertà di espressione e di informazione ed il rispetto della dignità dei cittadini, costituiscono diritti fondamentali inalienabili che difenderemo con ogni mezzo!”

Vincenzo Giovagnorio Sindaco di Tagliacozzo

VAI ALLA SEZIONE SPECIALE “EMERGENZA CORONAVIRUS”:

Print Friendly, PDF & Email