Multe inevase – Di Pangrazio manda avanti Montanari: siamo all’avanspettacolo

Avezzano: avvisi di pagamento per 3mila multe arretrate inevase. Di Pangrazio non risponde al consigliere d’opposizione Goffredo Taddei e manda avanti il Comandante dei vigili urbani. Che prova a scaricare sul Governo

A scoperchiare la pentola delle migliaia di avvisi di pagamento inviate in questi giorni agli avezzanesi è stato il consigliere d’opposizione Goffredo Taddei, con questo comunicato inviato alla stampa:

Avanspettacolo nel Palazzo di città

La risposta di Di Pangrazio – o meglio, dell’Ufficio del sindaco – è una esibizione degna delle migliori compagnie da avanspettacolo.

Lo sketch comico inizia con il comunicato di Taddei che, parafrasando il motto dei Frati Trappisti “Ricordati che devi morire”, chiama in causa Di Pangrazio e informa gli avezzanesi che con l’invio di 3mila lettere il sindaco sta ricordando loro “che ci sono multe arretrate da pagare”.

Il sindaco Di Pangrazio, col fare istrionico tipico dei politici di bassa lega abituati a salire sulla ribalta solo se c’è da incassare gli applausi del pubblico, evita di rispondere direttamente e, maldestralmente, si scansa. E così, a svolgere il ruolo di San Sebastiano – Santo patrono dei vigili urbani – il sindaco manda pavidamente al suo posto il Comandante Luca Montanari.

Il Vigile e San Sebastiano

E succede che Montanari, nell’eseguire l’ingrato compito a cui è stato chiamato, riesce a toccare livelli di comicità talmente alti, al punto da eguagliare quasi il suo maestro.

Con vero sprezzo del ridicolo, il “Ricordati che devi pagare” utilizzato da Taddei, di fatto viene tradotto dal Comandante con il più frivolo: “sono avvisi di cortesia”. Con tono soave, Montanari prova anche a lubrificare la supposta per gli avezzanesi, spiegando loro che con tali avvisi emessi da un non meglio precisato Sistema automatico, in realtà “si comunica al debitore che ha una multa in sospeso col Comune e che gli si dà ancora un’ultima possibilità prima che venga emessa la cartella Equitalia”.

E siccome “Ccà nisciuno è fesso“, il Comandante prova a sua volta a scaricare la responsabilità sul Governo. E dichiara: “Il procedimento ha dovuto seguire il suo corso perché questi termini non sono stati sospesi dal Governo e se non si procede si incorre nel danno erariale“.

In ogni caso, pubblichiamo di seguito il Comunicato stampa integrale, diffuso oggi dall’Ufficio del Sindaco della Città di Avezzano:

COMUNICATO STAMPA

Preavvisi di pagamento, un “atto dovuto” per evitare le sanzioni.

Le lettere pre-ruolo inviate dal Comune e contestate dal consigliere di minoranza, Goffredo Taddei, sono avvisi di cortesia che il sistema emette “per evitare l’emissione delle cartelle Equitalia, più penali e interessi. In buona sostanza”, spiega il comandante della polizia locale, Luca Montanari, “si comunica al debitore che ha una multa in sospeso col Comune e che gli si dà ancora un’ultima possibilità prima che venga emessa la cartella Equitalia con tutti gli oneri accessori: quindi si tratta di un pagamento senza aggiunta di spese ulteriori.

Il procedimento ha dovuto seguire il suo corso perché questi termini non sono stati sospesi dal Governo e se non si procede si incorre nel danno erariale”. Gli avvisi di cortesia sono relativi all’anno 2018. “Il sistema”, aggiunge, “li ha fatti partire in questi giorni, perché poi ci vorrà ancora tempo per predisporre i ruoli esattoriali e se non rispettiamo le tempistiche, rischiamo di mandare i crediti in prescrizione. In questo modo le cartelle esattoriali, obbligatorie per legge, slitteranno di un anno”.

Città di Avezzano Ufficio del Sindaco – Ufficio stampa

Print Friendly, PDF & Email