Magliano dei Marsi perde Virginia Cianciarelli, una figura eclettica di elevata professionalità

Ci sono persone ricordate da pochi, dimenticate da molti pur avendo arricchito con la propria personalità, e immensa cultura, il proprio paese e di riflesso l’intero territorio.
Un personaggio davvero significativo, per il suo tempo, quello di Virginia Cianciarelli scomparsa ieri all’età di 95anni per sopraggiunta polmonite, causa Covid.

Virginia nasce a Magliano dei Marsi, la sua famiglia è nota per essersi distinta nella Amministrazione della Cosa Pubblica fin dal 1827. Lei si è nutrita di arte seguendo la raffinata esecuzione di dipinti e arredi decorativi realizzati dai suoi parenti.
Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Roma ha dedicato la sua vita all’insegnamento sia presso la Scuola media inferiore che quella superiore. Ha insegnato per alcuni anni presso l’Istituto tecnico “Galileo Galilei” di Avezzano.

Amata per la sua grande umanità, Virginia Cianciarelli ha saputo dimostrare la sua energia, vestita di tenacia e signorilità, nell’ impegno politico assumendo la carica amministrativa di Assessore anziano e per un anno quella di Sindaco Facente Funzioni.

La sua sensibilità artistica emerge come autrice della raccolta di poesie ”Non si torna nel nido” edita da “Edizioni dell’Urbe” nel 1989, interamente dedicata alla figura del fratello prematuramente scomparso.
La composizione della successiva raccolta “E’ autunno nella mia casa” è invece fondata sul ricordo della sorella Ninì anch’essa colta all’improvviso dalla morte.
Il 9 marzo 1989 promuove, per celebrare la festa della donna, il giorno delle mimose. Come riportato dal all’epoca dal quotidiano “il Tempo” in chiusura del suo intervento così ebbe a dire: “Oggi, dopo aver raggiunto gli stessi diritti degli uomini, occorre procedere insieme, collaborare affiancati e consapevoli gli uni della dignità degli altri e della forza delle altre.” Ospite dell’evento fu la scrittrice Dacia Maraini.
Una donna così ricca di principi morali non poteva non essere che delegata dell’Ente per la protezione degli animali.
Personaggi di tale levatura devono essere ricordati per la profonda onestà intellettuale, per la solida professionalità, per la forza della propria cultura ma, assolutamente, per l’amore profuso per il suo paese: Magliano dei Marsi.

A Ninì e Gennaro
Oggi io
Sono la terza parte di me stessa.
Con voi
Il mio mondo era
Infinito e brillante;
ora è piccolo, stretto
e si allarga soltanto
quando io mi tuffo nel mare
dei nostri ricordi.
Ma è come tirare un gran sasso
Nell’acqua di un tino:
si forma un alone
e l’acqua soffre all’impatto.
Così la mia anima
È sconvolta
dalla nostalgia di un passato
Vissuto con voi
Che non potrà mai più
Essere richiamato alla vita (novembre 1990)

Print Friendly, PDF & Email