Avezzano – “Guida De Angelis? Meglio il commissario…”

Conferenza stampa gruppo opposizione

letterina al commissario t-rex

“Commissario prefettizio? In questo momento la scelta migliore per i cittadini di Avezzano”. Lo hanno dichiarato i sette consiglieri del gruppo di opposizione nella conferenza stampa tenutasi oggi alle ore 11 presso la sala conferenze del comune di Avezzano, durante la quale è stato presentato anche un documento programmatico di 18 punti da sottoporre all’attenzione del prossimo commissario prefettizio, dottor Mauro Passerotti.

Mauro Passerotti

Viceprefetto del Ministero degli Interni, Mauro Passerotti è una vecchia conoscenza marsicana, in virtù della doppia esperienza da commissario prefettizio esercitata a Celano nel 2008 e nel 2014, quando prese il posto del dimissionario sindaco pro tempore Filippo Piccone. Sarà lui ad amministrare la città fino alle prossime elezioni che, molto probabilmente, si terranno nella primavera del 2020.

Nei prossimi giorni i consiglieri del gruppo di opposizione incontreranno il commissario prefettizio per elencargli una lista di priorità esposte oggi in conferenza stampa.

Resta da vedere se il commissario sarà disposto a seguire le direttive politiche sulle quali la giunta non è riuscita a mettersi d’accordo durante la legislatura appena naufragata.

Un documento rappresentativo delle esigenze che noi abbiamo recepito ascoltando tutti i giorni i cittadini – afferma l’ex sindaco Giovanni Di Pangrazio – questo documento è stato condiviso da 14 consiglieri e consiste nella formulazione di una serie di linee direttive di indirizzo all’attività del nuovo commissario prefettizio, che sarà chiamato a decidere su alcune problematiche necessarie ed urgenti per la città”.

La conferenza stampa è stata però, per i consiglieri di opposizione, soprattutto l’occasione per rispondere alle accuse non troppo velate rivolte loro dall’ex sindaco De Angelis nella conferenza stampa di ieri che, ricordiamo, è avvenuta senza dare spazio alle domande dei giornalisti e quindi senza alcun contraddittorio: “sono vittima di un agguato politico di persone che pensano di condurre il Comune di Avezzano aveva affermato l’ex sindaco De Angelis avevo chiesto un atto di responsabilità e buon senso, ma tanto era il gusto di una piccola vendetta fatta da piccoli uomini… che hanno deciso di darci la sfiducia per invidia e interessi personali e miserevoli“. Non è mancata oggi la risposta a queste dichiarazioni in una conferenza stampa che, in pratica, ha dato inizio alla prossima campagna elettorale. “Alla luce del consiglio di sabato scorso finalmente abbiamo rivisto splendere il sole nella nostra bella città di Avezzano – continua Di Pangrazio – Ci tengo a ricordare come mai nella storia del comune di Avezzano si era verificato che un sindaco entri nella sede comunale e anzichè fare un passaggio di consegne con il sindaco uscente va modificando le serrature della porta. Questa è una ferita che rimarrà indelebile nel comune di Avezzano ”.

Intervista a Gianni Di Pangrazio e Roberto Verdecchia

Tra i punti più importanti riportati nel documento la tutela e la salvaguardia degli uffici giudiziari e della Procura di Avezzano, il riposizionamento del mercato storico del sabato in centro, il completamento dei cd Progetti Scuole sicure, l’accelerazione del progetto del cd Masterplan riguardante la ristrutturazione del Palazzo ex Arssa e di tutta l’area adiacente, il rispetto degli impegni assunti per le organizzazioni di manifestazioni istituzionalizzate, come il “Circuito di Avezzano auto d’epoca“. Durante la conferenza stampa ognuno dei sette consiglieri si è concentrato nella spiegazione di specifici punti del documento e non sono poi mancati pungenti attacchi al dimissionato sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, accusato di scarsa attitudine a collaborare e a confrontarsi con l’oppozione e i cittadini, sui temi ormai noti del T-Red, della pista ciclabile, del caso Gielle, del piano regolatore e dell’urban center.

Gli interventi

Roberto Verdecchia (al centro)

“A differenza del commissariamento dell’allora sindaco di Avezzano avvenuto per motivi giudiziari nel 93 -afferma l’avvocato Roberto Verdecchiaoggi non esistono motivi giudiziari, ma solo motivi di opportunità politica. Forse qualcheduno che ha albergato qui sopra avrebbe fatto bene a dimettersi prima. Il commissario ad acta che verrà dovrà necessariamente occuparsi della vicenda del tribunale poiché il settembre 2020 è alle porte. È poi necessario intervenire per riportare il mercato al centro della città: è assurdo e impensabile che 145 persone che rappresentano il mercato storico del sabato debbano essere lasciate nella zona nord della città fino a nuove elezioni. E poi va affrontato il Caso Gielle: qui c’è qualcuno che ci deve restituire un milione e 400mila euro… ma tutto ciò ancora non si verifica nonostante una modesta attività posta in essere dall’ufficio legale, letteralmente abbondonato a sé stesso e non supportato adeguatamente né dal sindaco né dall’assessore alla legalità. Ci sono azioni incisive che devono essere fatte.INTERVENTO

Mario Babbo

“Il T-Red ha arrecato un danno importante ai cittadini di Avezzano –sentenzia il consigliere Mario Babbouna cosa su cui ci siamo trovati d’accordo tutti e 24 i consiglieri comunali tranne l’ex sindaco. De Angelis ha detto che il piano regolatore non è stato terminato per colpa di piccoli uomini irresponsabili, dei miserabili? Io rispondo che il Prg non può essere messo in mano all’urban center per garantire equilibri politici ma deve essere condiviso dai consiglieri comunali, insieme agli uffici e alle università. L’ex sindaco voleva cambiare le regole della vecchia politica? Ebbene, appena è entrato al Cam, ha chiesto un rinvio di 9 mesi e ciò non è stato possibile perché non conosceva nemmeno il regolamento. Questo era il suo piano rispetto alla vecchia politica…INTERVENTO

“Sul T-red l’ex sindaco non poteva non sapere poiché nel dicembre 2018 è stato inviato a tutti i cittadini di Avezzano un opuscolo che riportava entrate per importi di 2 milioni di euro, quasi un milione e mezzo in più rispetto all’anno precedente”. INTERVENTO avv. CARPINETA

Gallese, Carpineta e Di Berardino

“Abbiamo spesso proposto al sindaco un patto tra gentiluomini per garantire la governabilità della città, ma al posto del famoso ramoscello di ulivo di cui ha sempre parlato abbiamo ricevuto un “pascione” [bastone, ndr]. Per quanto riguarda l’ambiente, ricordo a tutti che in questo breve periodo abbiamo avuto un ‘assessore alla motosega’, vista la sua propensione all’abbattimento di alberi secolari”. INTERVENTO dott. G. GALLESE

“Sulla rivalutazione di Piazza Torlonia nessuno dice nulla – puntualizza il consigliere Domenico Di Berardinoma quei 600mila euro spesi per i lavori si poteva evitare di prenderli dalle tasche dei cittadini avezzanesi, sfruttando i finanziamenti del masterplan, da tempo approvato dalla regione Abruzzo”. INTERVENTO

Francesco Eligi

“Abbiamo davanti un periodo bruttissimo, un anno di commissariamento per il comune di Avezzano – riferisce il consigliere Francesco Eligi con scelte diverse da parte del sindaco De Angelis, oggi avremmo già eletto il nuovo sindaco cittadino”. INTERVENTO

La conferenza si è conclusa con le domande dei rappresentanti della stampa locale.

Print Friendly, PDF & Email