LFoundry – Lavoratori in sciopero davanti ai cancelli

Avezzano - In corso davanti i cancelli della fabbrica un picchetto di protesta di lavoratori della ditta di pulizie Must service srl, operante all’interno dello stabilimento LFoundry. NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

I lavoratori della ditta di pulizie Must service srl – che attendono da oltre un mese le risposte dell’azienda – sono scesi in sciopero per il ritardo nei pagamenti degli stipendi e l’utilizzo strumentale e discriminatorio delle ore di ferie da parte dell’azienda.

Sostengono la protesta le sigle sindacali di CGIL-Filcams, CISL-Fisascat e UIL-Trasporti, rappresentate dagli esponenti territoriali Angelo R. Scalcione, Alessandra Sallustri e Andrea De Amicis.

I lavoratori fanno sapere che “se lo sciopero di oggi non porterà le parti a fare dei percorsi condivisi e rispettati, non si escluderanno altre azioni di lotta”.

Aggiornamenti:

COMUNICATO STAMPA

Avezzano, 22/09/2021

In nome e per conto di tutti i lavoratori interessati della Must Service s.r.l., ditta di pulizie operante all’interno dello stabilimento Lfoundry di Avezzano (AQ), unitariamente alle organizzazioni sindacali, Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltrasporti UIL, rappresentate dagli esponenti sindacali territoriali, Angelo R. Scalcione, Alessandra Salustri e Andrea De Amicis; dopo aver atteso invano dal mese agosto risposte dall’azienda, e avendo ricevuto mandato dalla maggioranza dei lavoratori nell’assemblea sindacale del 13 settembre 2021, hanno indetto un’intera giornata di sciopero per il 23 settembre 2021 in favore di tutti i lavoratori interessati.

Troppe le problematiche che si sono venute a presentare in questi mesi, e l’azienda a seguito di vari incontri con le organizzazioni sindacali non ha mai dato risposte chiare e rassicuranti ai lavoratori, che ad oggi continuano a lamentare il ritardo del pagamento degli stipendi, e l’utilizzo unilaterale delle ore di ferie per una ipotetica riduzione del capitolato di appalto dichiarato dall’azienda, ad oggi non giustificata dalle ore di straordinario a cui solo alcuni lavoratori in modo discriminatorio sono interessati.

Comunichiamo altresì che se lo sciopero del 23 non porterà le parti a fare dei percorsi condivisi e rispettati, non si escluderanno altre azioni di lotta.

Per le OO.SS: Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltrasporti UIL

Print Friendly, PDF & Email