L’Aquila, Asilo occupato – “dalle istituzioni il nulla. Resta solo l’autorganizzazione”

Riceviamo e pubblichiamo:

Spazi sociali e cultura: dalle istituzioni il nulla. Resta solo l’autorganizzazione

A distanza di sei anni l’Amministrazione non è riuscita a fare NIENTE per riqualificare uno spazio come l’Asilo Occupato in via Duca degli Abruzzi, che grazie all’impegno e l’autorganizzazione di tant* attivist* ha colmato il vuoto cittadino di spazi pubblici per l’aggregazione.

In questi anni l’Asilo Occupato è diventato lo spazio in cui sono transitate migliaia di persone, avanguardia di sperimentazioni culturali, sede di laboratori artigianali ed artistici, serate di musica e danza dalla tecno al tango, cineforum che nel tempo hanno passato centinaia di film nella sala Monicelli, mostre frequentate e riconosciute anche a livello istituzionale.

L’asilo è una struttura enorme e difficile da gestire ma gli attivisti che lo hanno occupato ed autogestito sono riusciti a fare tutto questo da soli, nel freddo, senza un soldo pubblico.

Il palazzo è stato occupato nel gennaio 2011, perché era stato abbandonato nonostante avesse ben resistito al sisma del 2009. Grazie all’occupazione si è accesa l’attenzione sull’Asilo, il Comune ha promesso lavori di riqualificazione, utilizzando i fondi Meloni legati ai giovani.
Gli occupanti non si sono mai opposti alla riqualificazione, ci mancherebbe, la auspichiamo tutti nel bene comune nostro e della città . Siamo infatti per la messa in sicurezza totale e reale dell’Aquila e di tutto il Paese. Solo che, arrivati al 2017, con un nuovo sciame sismico in corso, l’Amministrazione quei lavori non li ha mai neanche iniziati e l’Asilo si ritrova come al 6 aprile 2009, nell’impossibilità di svolgere le attività sociali e culturali che portate avanti fino al 18 gennaio e senza un luogo dove stare.

La città ha la stessa fame di spazi sociali di sempre, che il terremoto non può fermare, almeno che non si scelga di andar via e contribuire allo spopolamento del nostro territorio. Cosa che non possiamo accettare.
Nella drammatica situazione di disgregazione sociale e di precarietà in cui viviamo, di spazi come l’Asilo o CaseMatte, questa città ne ha un grande bisogno e non può accettare di perderne neanche un metro

Chiediamo quindi all’amministrazione, che in questi sei anni non si è opposta all’occupazione, di trovare subito una soluzione a tutto questo, mettendo a disposizione spazi agibili per le attività ad oggi sospese.

W l’asilo W l’Autogestione

Il Comitato Asilo Occupato L’Aquila e l’Ass. ArtQuake

Primi firmatari:

CaseMatte e 3e 32, Opus, Polyhedric Center, Collettivo Fuori Genere, Reacto, Appello per L’Aquila, Arci, Ass. 180 Amici L’Aquila Onlus, Arcigay, Querencia, Link Studenti Indipendenti, Ass. Donne TerreMutate, Laboratorio di Giocoleria Asilo Occupato, UDS, Dubadub 

* Chi volesse sottoscrivere questo appello può mandare un’email a: asiloccupatoaq@gmail.com

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email