Fumata bianca al CAM: nominato il Revisore legale dei conti

Habemus Papam. Finalmente nominato, al terzo tentativo, il Revisore legale dei conti per la certificazione dei bilanci 2020/2021/2022 del Consorzio acquedottistico marsicano.

La fumata bianca si è innalzata in cielo questa sera sul tetto del Cam, dopo l’ennesima riunione in conclave dei Comuni soci del Consorzio. Ad essere nominata è stata la ACG srl. Tale società, che peraltro aveva già il precedente incarico ormai scaduto, si è aggiudicata il nuovo bando pubblico offrendo il servizio al prezzo di 11.200 euro l’anno (spese escluse), prevedendo un totale di 328 ore di lavoro l’anno, con un Team di 4 unità.

Presente all’assemblea dei soci il 65% del capitale sociale. Dei Comuni soci in particolare erano fisicamente presenti in sala i rappresentanti dei Comuni di Avezzano, Carsoli, Castellafiume, Massa d’Albe, Lecce nei Marsi, Luco dei Marsi, Morino, Oricola, Pereto, Pescina, Sante Marie e Trasacco, mentre i Comuni di Cerchio, Magliano dei Marsi, Rocca di Botte, San Benedetto dei Marsi e Tagliacozzo solo attraverso delega ad altri soci. Assenti tutti gli altri.

L’assemblea dei soci, fissata per le ore 17.30, è iniziata con circa un’ora di ritardo e non sono mancati i soliti tentativi di rimischiare le carte. I rappresentanti di Massa d’Albe e Pescina (con in tasca anche le deleghe di Cerchio, Magliano dei Marsi e San Benedetto dei Marsi), hanno provato un ultimo e patetico tentativo di ributtarla in caciara, proponendo di prorogare la vecchia società solo per votare il bilancio 2020 e poi rifare un nuovo bando pubblico. Ma davanti all’insostenibilità tecnica e legale della proposta, alla fine hanno dovuto gettare la spugna.

E’ così passata la proposta del Comune di Carsoli, che ha insistito per nominare il nuovo revisore in base al bando pubblico già espletato, anche per evitare ulteriori ritardi (fatali per il Concordato preventivo a cui è sottoposto il Cam) e, cosa non meno importante, possibili contenziosi giudiziari con i partecipanti al bando.

All’assemblea dei soci, alla fine, non è restato altro da fare che votare all’unanimità dei presenti la nomina della ACG srl, giudicando la sua offerta la più conveniente e anche come la soluzione migliore per approvare rapidamente il bilancio 2020.

Queste, comunque, le offerte presentate dai vari partecipanti al Bando pubblico:

VAI ALL’INCHIESTA COMPLETA:

CAM, IL BUCO CON L’ACQUA INTORNO

Print Friendly, PDF & Email