Faide elettorali – Genovesi fallisce ad Avezzano, resa dei conti all’Aquila

Tintinnio di coltelli tra Lega e F.d.I. Il fallimento della destra abruzzese nelle elezioni di Avezzano e Chieti avvia all’Aquila la resa dei conti tra l’on. D’Eramo, leghista, e il sindaco Biondi, Fratelli d’Italia.

A tre mesi dall’apertura della crisi nel consiglio comunale aquilano, con l ritiro delle deleghe a tre assessori del Carroccio, ora il sindaco meloniano parte al contrattacco.

Biondi ha inviato una lettera ai gruppi della sua maggioranza in cui chiede loro di fornire i nomi per “riequilibrare la composizione dell’esecutivo“. Il sindaco annuncia così di voler azzerare la Giunta comunale. E il principio a cui intende attenersi per la sua ricomposizione non lascia dubbi: “proporzionalità in base alla numerosità: un assessore ogni due consiglieri.

Il conto è facile.

Secondo Biondi la Lega – che nel consiglio comunale aquilano conta 3 consiglieri – dovrebbe quindi scendere a un solo assessore: nella precedente giunta gli assessori del Carroccio erano tre.

Insomma il fallimento di Genovesi – quarantenne imprenditore candidato sindaco ad Avezzano – all’on. D’Eramo è costato molto caro.

Print Friendly, PDF & Email