Emergenza – Lotta al parassita: timori dei cittadini per i prodotti irrorati nella notte a Piazza Torlonia

Si lavora giorno e notte per limitare i danni causati dalla mancata manutenzione degli ultimi mesi. Ora si aggiungono i timori per i prodotti irrorati questa notte nella piazza, frequentata da bambini e adulti. Chi pagherà per i danni causati al Parco pubblico? Video e foto esclusivi di site.it

Avezzano – Dopo l’allarme lanciato da SITe.it il 27 aprile scorso, è corsa contro il tempo: ora si lavora giorno e notte. Ma la fretta può essere cattiva consigliera: ai danni al manto erboso e alle siepi ora si aggiungono i timori per cittadini e bambini che, ignari dei prodotti irrorati questa notte, continuano a frequentare tranquillamente piazza Torlonia. GUARDA IL VIDEO:

Non è dato ancora sapere la natura dei prodotti che da ieri sera vengono irrorati sulle siepi di bosso. Si tratta, presumibilmente, di insetticidi per debellare la Cydalima perspectalis, il micidiale parassita che ha attaccato i 2mila metri di siepi che ornano i viali del parco cittadino. Secondo stime non ufficiali, il 30% delle piante sarebbero irrimediabilmente danneggiate e le altre sono a rischio. Un danno enorme, per il giardino più grande e più bello della città.

A sinistra Mauro Passerotti, a destra il Cydalima perspectalis

Ma al danno ambientale ora si aggiungono altri timori: le operazioni di disinfestazione attualmente in corso nella piazza, tuttora frequentata dai cittadini, sarebbero state avviate in tutta fretta e senza alcun preavviso alla cittadinanza e ai residenti nella zona. E in assenza di informazioni chiare i timori si diffondono.

Situazione delicata

Come documentato dal nostro video, l’irrorazione delle siepi è iniziata ieri sera, con il buio. Ma questa mattina, mentre sono ancora in corso i lavori, nella piazza circolavano tranquillamente cittadini a piedi e in bicicletta: addirittura bambini accompagnati dai genitori stazionano tranquillamente nel parco giochi, circondato proprio dalle siepi di bosso. Il tutto, senza alcuna vigilanza.

Non solo. A pochi metri dalle siepi irrorate questa notte, si sta svolgendo regolarmente il mercatino con vendita al pubblico di porchetta e altri prodotti alimentari. Mercatino autorizzato da pochi giorni dal Comune. GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA:

Una situazione che in assenza di informazioni chiare desta preoccupazione. Si chiede pertanto al Commissario Passerotti di attivarsi affinché la popolazione sia correttamente informata sulla esatta natura delle operazioni in corso e sulla tipologia dei prodotti utilizzati nella piazza che, come documentato dalle nostro foto e dal video, continua ad essere aperta e senza vigilanza alcuna.

Una brutta storia su cui occorre chiarezza

Ad accendere i riflettori sul grave degrado cui è stata abbandonata Piazza Torlonia negli ultimi mesi è stato, il 27 aprile scorso, questo articolo di site.it:

A quanto pare – complice l’emergenza coronavirus e la conseguente chiusura al pubblico della piazza – senza il nostro articolo corredato di ampia documentazione fotografica dei danni, negli uffici del Comune nessuno si sarebbe accorto delle erbacce infestanti che hanno invaso le aiuole e soprattutto della piralide del bosso che ha attaccato le siepi del parco. Danni che rischiano di diventare irreversibili, soprattutto per le preziosissime siepi di Buxus Sempervivens.

Nell’articolo si ricordava anche l’enorme investimento pubblico per riqualificare la piazza, restituita al pubblico poco più di un anno fa. In particolare, si ricordava che i lavori di manutenzione del parco, per decine di migliaia di euro, erano stati appaltati a una ditta privata. E soprattutto si chiedeva conto al Commissario Passerotti e ai dirigenti comunali dell’omessa vigilanza sulla manutenzione della piazza.

A nemmeno di 24 ore dalla pubblicazione del primo articolo, in tutta fretta è stata inviata una squadra di operai armati di tosaerba e decespugliatori per ripulire con urgenza le aiuole e liberarle dalle erbacce che crescevano rigogliose. Questo il secondo articolo:

Nel pezzo si apprezzava la buona volontà manifestata dal Comune con il tempestivo tentativo di limitare i danni. Ma a Commissario prefettizio e dirigenti comunali si chiedeva ufficialmente di fornire risposte a queste domande: la ditta che ha in appalto la manutenzione del verde di piazza Torlonia, è stata pagata? Chi doveva controllare sull’esatta esecuzione dell’appalto? Chi pagherà per i danni subìti dalla città?

Domande tutte ancora senza risposta. Ieri sera alle 22 arriva in redazione la segnalazione di una decina di operai che al buio irroravano con prodotti nebulizzati le siepi attaccate dalla piralide del bosso.

Al Commissario Passerotti e ai competenti dirigenti comunali riproponiamo, sul punto, tutte le domande già fatte e rimaste tuttora senza risposta. A cui aggiungiamo queste altre: Che tipo di prodotto viene irrorato sulle siepi? E’ pericoloso per i cittadini che frequentano il parco?

Print Friendly, PDF & Email