Emergenza Coronavirus e “Stato d’eccezione”: una ordinanza esemplare. Gli aggiornamenti al 3 marzo

Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale, alle ore 18 del 3 marzo sono 2.263 le persone che risultano positive al virus. Ad oggi, in Italia sono stati 2.502 i casi totali.

A scopo esclusivamente didattico sul funzionamento dello Stato d’emergenza e sullo “Stato d’eccezione” che produce sulle leggi ordinarie e sul bilancio pubblico, riportiamo di seguito una sintesi della Ocdpc n.643 del 1° marzo 2020 (Esigenze del Dipartimento della protezione civile e del Soggetto attuatore del Ministero della Salute).

Ocdpc è l’acronimo di “Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile“. Con la n.643 del 1° marzo 2020 il Dipartimento e il Soggetto attuatore del Ministero della Salute si autorizzano da soli ad effettuare diverse spese, in deroga alle leggi ordinarie e senza ulteriori autorizzazioni o controlli. Non è la prima e non sarà l’ultima, ovviamente.

Ocdpc n.643 del 1° marzo 2020

Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

[…] DISPONE

Articolo 1 (Esigenze del Dipartimento della protezione civile e del Soggetto attuatore del Ministero della Salute)

1.    In relazione al contesto emergenziale indicato in premessa, il Dipartimento della protezione civile ed il Soggetto attuatore di cui al decreto del Capo del Dipartimento rep. n. 414 del 7 febbraio 2020 sono autorizzati ciascuno a conferire fino a cinque incarichi di collaborazione coordinata e continuativa, della durata non superiore al termine di vigenza dello stato di emergenza, in deroga all’articolo 7, commi 5-bis, 6 e 6-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.
2.    Ai relativi oneri, quantificati in euro 24.000,00 su base annua, per ciascun incarico, si provvede a valere, per quanto riguarda il Dipartimento della protezione civile sulle risorse finanziarie di cui all’articolo 7 dell’ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 630 del 3 febbraio 2020 e per quanto riguarda il Soggetto attuatore di cui al decreto del Capo del Dipartimento rep. n. 414 del 7 febbraio 2020 a valere sulla contabilità speciale intestata al medesimo Soggetto attuatore di cui all’ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 635 del 13 febbraio 2020.

Il Capo del Dipartimento della Protezione civile ANGELO BORRELLI

Per scaricare il Pdf dell’Ordinanza completa CLICCA QUI

Aggiornamento ufficiale alle ore 18 del 3 marzo, sul contagio in Italia e nelle varie regioni:

Coronavirus: sono 2.263 i positivi

3 marzo 2020Aggiornamento delle ore 18.00

Presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile proseguono i lavori del Comitato Operativo al fine di assicurare il coordinamento degli interventi delle componenti e delle strutture operative del Servizio Nazionale della protezione civile.  Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale, al momento 2.263 persone risultano positive al virus. Ad oggi, in Italia sono stati 2.502 i casi totali.

Nel dettaglio: i casi attualmente positivi sono 1.326 in Lombardia, 398 in Emilia-Romagna, 297 in Veneto, 56 in Piemonte, 59 nelle Marche, 30 in Campania, 19 in Liguria, 18 in Toscana, 11 nel Lazio, 13 in Friuli Venezia Giulia, 8 in Umbria, 6 in Puglia, 6 in Abruzzo, 5 in Sicilia, 4 nella Provincia autonoma di Trento, 3 in Molise, 1 nella Provincia autonoma di Bolzano, 1 in Calabria, 1 in Sardegna e 1 in Basilicata.

Sono 160 le persone guarite. I deceduti sono 79, questo numero, però, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso.

***

VAI ALLA SEZIONE SPECIALE – EMERGENZA CORONAVIRUS

***

Print Friendly, PDF & Email