Emergenza Coronavirus, Abruzzo – Banche, “ritardi su anticipo cassa integrazione colpa della Regione”

Fonti sindacali: "L'Abruzzo, come altre regioni, non ha ancora avviato tavoli per le convenzioni con l'Abi o con l'Inps; in queste regioni potrebbero verificarsi i maggiori rallentamenti".

I ritardi nell’anticipo, da parte delle banche, della cassa integrazione in deroga, sono legati principalmente alla lentezza di alcune regioni nel fornire i dati agli istituti di credito.

Lo riferiscono fonti sindacali, sottolineando che soltanto quattro regioni (Lombardia, Sicilia, Emilia-Romagna e Lazio) hanno sottoscritto convenzioni con l’Abi e con l’Inps e manderanno direttamente informazioni alle banche sia sulle aziende che hanno chiesto l’ammortizzatore sociale sia sui loro lavoratori, favorendo il rapido anticipo del sussidio in banca (flusso operativo diretto di dati tra banca e regione).

Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Umbria, Campania, Molise, Puglia e Basilicata, riferiscono le stesse fonti, stanno dialogando con l’Inps. Trentino Alto Adige, Liguria, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria, Abruzzo e Marche non hanno invece ancora avviato tavoli per le convenzioni e proprio in queste regioni potrebbero verificarsi i maggiori rallentamenti.

Print Friendly, PDF & Email