Domenica 2 febbraio entrata gratuita in tutti i musei nazionali. Calendario iniziative in Abruzzo

Le mura medievali parlano. Di riti, leggende, fonti storiche e cartografiche, recuperi e restauri. Porte, controporte, torri e avvistamenti. Barricano e difendono la città, si aprono sui dedali delle mercanzie all’ombra del Medioevo. Per questo a L’Aquila una mostra e dieci appuntamenti fino a marzo, accompagneranno un percorso all’interno della cinta muraria, emblema del senso civico della città, di un restauro che va oltre il restauro. Ma Febbraio è anche il mese dell’amore, di San Valentino, e come non richiamare, allora, l’ardore sensuale di Gabriele d’Annunzio e Mèlitta in una mostra a Pescara sul Poeta intimo e segreto. Ma Febbraio è pure il mese delle maschere, dell’identità riflessa fra apparenza e realtà, del rovesciamento delle classi sociali nelle feste pagane mutuate poi nel Carnevale, festeggiato con laboratori in vari musei, a Chieti con maschere e costumi dall’antichità, mentre sempre a Chieti prosegue la mostra   “Scene di vita nella tradizione popolare”. Ma Febbraio è ancora il mese della riforma del MiBACT che vede, con il bando internazionale per la selezione dei direttori di tredici musei autonomi, fra cui anche quello dell’Aquila, e le prove scritte per l’assunzione di 1082 vigilanti, attuare il percorso di innovazione e modernizzazione del sistema museale nazionale per incrociare politiche attuative a supporto dello  sviluppo dei territori

Domenica 2 febbraio entrata gratuita in tutti i musei nazionali

L’AQUILA

MuNDA – MUSEO NAZIONALE D’ABRUZZO – Borgo Rivera

Vicino stazione F.S. – ampio parcheggio gratuito. Orario: 8.30/19.30 tutti i giorni escluso il lunedì. La biglietteria chiude 30 minuti prima. Per info: pm-abr@beniculturali.it; tel. 0862.28420/ 3355964661. Biglietto 4 €, ridotto 2 € . Seguici sul sito facebook! Domenica 2 febbraio entrata gratuita

Mostra: Le mura dell’Aquila

E’ una voce potente quella che arriva dalle mura dell’Aquila, oltre  5 Km di cinta, una delle più grandi d’Italia. Un  diaframma, un grembo, all’interno del quale è nata, cresciuta, morta e risorta la città  dell’Aquila che dalle sue ceneri, chiamate macerie, si è ancora una volta  rialzata. Mura, porte e  torri appaiono merlate  nel gonfalone di seta di Paolo Cardone, addobbate per il passaggio di Margherita d’Austria,   protettive contro Fortebraccio, aperte al passaggio di re Carlo D’Angiò, e qui siamo ai vagiti del 1268,  chiuse, poi riaperte, si presentano nella varie piante come un abbraccio,  elemento segnico di forte identità civile. E’ la mostra “Le mura dell’Aquila”, ideata da Lucia Arbace e realizzata dal Polo Museale dell’Abruzzo,  a svelare il progetto  maturato dal ritrovamento nella collezione di Maurizio Pace di ben otto piante della città,  alcune rare databili dal tardo XVI al XVIII secolo, e dal fortuito incontro con un appassionato aquilano che ha realizzato con matita, gomma e inchiostro nero, dopo attenti studi su testi storici e sulla cartografia dell’Aquila, una serie di disegni delle mura come verosimilmente potevano apparire tra il 1622 e il 1680, riprodotti  in una prospettiva orizzontale in  un inedito scroll lungo oltre cinque metri. La mostra, che  include anche un video con la ricostruzione 3D della cinta muraria realizzato dalla Creative di Massimiliano Crea. Un percorso non solo cartografico, quindi, all’interno della struttura difensiva, emblema del senso civico della città. Fino al 29 marzo

A latere sono previsti, ogni giovedì alle 17.30, dieci approfondimenti ed  iniziative collaterali quali incontri e conferenze a cura delle istituzioni e associazioni cittadine.

Giovedì 6 febbraio , 17.30 Sandro Zecca: Portae Civitatis. Gli accessi all’Aquila: novità a vantaggio di ulteriori ricerche  in collaborazione con l’Archeoclub, sezione dell’Aquila

Giovedì   13 febbraio, 17.30   Maria Grazia Lopardi :  Aspetto simbolico e sacrale delle mura. Miti, riti, leggende     in collaborazione con l’Associazione Panta Rei

Giovedì  20 febbraio, 17.30  Maurizio Pace:  Le antiche carte geografiche  dell’Abruzzo. Diario di un collezionista   in collaborazione con la casa editrice Menabò

Giovedì  27 febbraio, 17.30 Paolo Muzii: Mura urbiche e città moderna: le trasformazioni  a cura dell’Associazione Italia Nostra, sezione dell’Aquila  

Mostra: Senza polvere. Il ritorno a L’Aquila di opere dai depositi . A dieci anni dal sisma, dopo accurati restauri vengono proposti alle comunità dipinti, sculture  e manufatti finora mai esposti a L’Aquila, occasione per aprire una nuova pagina.

ATTIVITÀ DIDATTICHE a cura dell’Associazione D-Munda. Info, costi e prenotazioni obbligatorie cell 348 5616363/ 3245474537 associazionedmunda@gmail.com:

Domenica 2 febbraio 2020, ore 11.00  nascita e  sviluppo della città dell’Aquila

In occasione della prima domenica del mese ad ingresso gratuito, l’Associazione propone un approfondimento, in concomitanza della nuova mostra nel MuNDA, “Le mura dell’Aquila”, interamente dedicato alla nascita e lo sviluppo della città nel corso del tempo. Visita tematica al costo di 4€. Prenotazione obbligatoria al numero 324 5474537 (anche WhatsApp) o e-mail associazionedmunda@gmail.com.

Sabato 8 febbraio 2020, 11.00 e ore 16.00 – Dalle origini… il Borgo della Rivera

Visita guidata interamente dedicata all’evoluzione del Borgo Rivera, dalla fondazione della città e l’edificazione della Fontana delle 99 Cannelle, attraverso il convento dei Cavalieri dell’Ordine dell’Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme, fino ad arrivare al mattatoio comunale e l’apertura del MuNDA, il nuovo Museo Nazionale d’Abruzzo. Visita guidata al costo di 5 € a persona (incluso biglietto Museo Nazionale d’Abruzzo). Prenotazione obbligatoria al numero 324 5474537 (anche WhatsApp) o e-mail associazionedmunda@gmail.com.

Sabato 22 febbraio 2020, ore 16.00 I mascheroni delle 99 cannelle

Laboratorio didattico dedicato ai mascheroni della Fontana delle 99 cannelle. Dopo un breve racconto della storia del monumento i bambini saranno invitati ad osservare attentamente i mascheroni e successivamente a creare il loro “mascherone di Carnevale”, reinterpretando gli originali. Costo laboratorio 5 euro a partecipante. Prenotazione obbligatoria al numero 324 5474537 (anche WhatsApp) o e-mail associazionedmunda@gmail.com.

CELANO

Castello Piccolomini – Museo d’Arte Sacra della Marsica

Museo di Arte Sacra – Castello Piccolomini – Orario: 8.30/19.30 tutti i giorni, escluso il lunedì.    La biglietteria chiude 30 minuti prima, www.museodellamarsica.beniculturali.it – Biglietto intero 4 €, ridotto 2 €. tel. 0863 793730/792922. Domenica 2 febbraio entrata gratuita

Mostra PLAISIRS & JEUX. Giocattoli dall’antichità agli anni ’50

Mostra a cura di Lucia Arbace e Mariangela De Crecchio.  Uno splendido volume di Gaston Vuiller, edito a Parigi da J. Rothschild nel 1900, ha suggerito il titolo della mostra Plaisirs & Jeux. Lucia Arbace e Mariangela de Crecchio hanno impiegato un’ attenzione particolare per far riscoprire giochi e oggetti di bimbi, abitacoli essi stessi di un’infanzia che ha lasciato tracce di gioie ma anche procurato tormenti. Dai più costosi e raffinati ai più modesti e grossolani, dai più semplici ai più bizzarri e complicati, trasferiscono nelle teche espositive i segreti di una età che rappresenta le fondamenta del mosaico della vita. Giochi e giocattoli, dunque, pronti per esser ammirati e scrutati da quanti vorranno apprezzare vicende mai scontate, cariche di inaspettate scoperte. Questo mondo in miniatura trasmette il ricordo dei colori sgargianti che aveva indosso, attutiti dall’alito del tempo trascorso, pronto a raccontare di sé sotto trame ancora mai scritte.  

ATTIVITA’ DIDATTICHE a cura della Coop Limes coop.limes@libero.it Info, costi e prenotazioni obbligatorie al 339.7431107:

Sabato 8 febbraio,  orario 16.00-18.00  Scriviamo come gli antichi Romani.  Laboratorio per bambini al Castello Piccolomini. Costo laboratorio: 5 euro a bambino prenotazione obbligatoria: 339.7431107;  coop.limes@libero.it

Sabato 15 febbraio orario: 11.00 -13.00 scopriamo la collezione Torlonia. Visita guidata e gratuita  per adulti alla Collezione Torlonia . Prenotazione obbligatoria: 339.7431107;  coop.lim es@libero.it

Domenica 23 febbraio orario: 16.00-18.00 Quante donne  La figura femminile nel Medioevo. Visita guidata gratuita tematica per adulti alla Collezione di Arte Sacra. Attraverso la storia del castello Piccolomini e della sua collezione di Arte Sacra costruiremo un percorso volto ad esplorare la condizione della donna durante l’epoca Medioevale. Dalla storia di Jacovella dei Conti Berardi, signora della Rocca di Celano, ai volti delle splendide madonne lignee, dalle storie di sante e popolane fino alle mitiche Sirene incise nei preziosi rilievi marmorei della chiesa di San Pietro di Alba Fucens: un itinerario tutto al femminile per conoscere una storia insolita del nostro Abruzzo. Prenotazione obbligatoria: 339.7431107;  coop.lim es@libero.it 

MUSè – Nuovo Museo Paludi di Celano

Visita al museo martedì-venerdì 8.30-13.30; martedì e giovedì anche il pomeriggio fino alle 17.00. Per aperture di sabato e domenica info al numero 0863/790357 o pm-abr@beniculturali.it

SULMONA

Abbazia di Santo Spirito al Morrone

In località Badia la prestigiosa Abbazia un tempo casa madre dei Celestini. www.santospiritoalmorrone.beniculturali.it. Orario da martedì a sabato 9.00/13.00 e  prima e terza domenica 9.00/13.00La biglietteria chiude 30 minuti prima. Tel 0864  0864 32849 ufficio 1 poi 5. Domenica 2 febbraio entrata gratuita

ATTIVITÀ DIDATTICHE a cura dell’Ass.ne D-Munda. Info, costi e prenotazione obbligatoria al  3485616363 o all’indirizzo mail associazionedmunda@gmail.com:

Domenica 2 febbraio.  ore 10.00/11.00/12.00 – Alla scoperta dell’Abbazia di Celestino V

Visita guidata attraverso i magnifici spazi dell’Abbazia celestiniana di Sulmona, casa madre dell’ordine creato da Pietro Angelerio nel XIII secolo. Ingresso abbazia gratuito, visita guidata al costo di 5€ a persona, prenotazione obbligatoria al numero 348 5616363 (anche whatsapp) o tramite e-mail associazionedmunda@gmail.com

Sabato 22 febbraio, ore 10.30 – I Celestini e la Natura

Con lo scopo di sensibilizzare alle problematiche ambientali, l’Associazione propone una visita di approfondimento sull’indissolubile legame tra la Congregazione dei Celestini e l’elemento naturale. A testimonianza di ciò vi sono anche le opere del monaco celestino Carl Borromaus Ruthart, che ha fissato su tela il forte legame tra la Natura e la Spiritualità. Costo visita tematica 4€ a persona, prenotazione obbligatoria al numero 3460275134 (anche whatsapp) o tramite e-mail associazionedmunda@gmail.com

CAMPLI

Museo Archeologico Nazionale

P.zza S. Francesco, 1 –. tel. 0861.569158/ 560643. Dal martedì al venerdì aperto dalle ore 8.30 alle ore 14.00; ultimo ingresso ore 13.30. Solo su prenotazione nei pomeriggi dal martedì al venerdì. Sabato, domenica e giorni festivi infrasettimanali aperto dalle ore 8.30 alle ore 19.30, ultimo ingresso alle ore 19.00. Tel www.archeoabruzzo.beniculturali.it. Domenica 2 febbraio entrata gratuita

ATTIVITÀ DIDATTICHE a cura dell’Ass.ne D-Munda. Info, costi e prenotazioni obbligatorie al 339 6125612/ associazionedmunda@gmail.com:

Domenica 2 febbraio, ore 16.00 – Antichi ma non troppo

Visita tematica alla scoperta del popolo dei Pretuzi attraverso i corredi funerari rinvenuti nella necropoli di Campovalano. Costo visita guidata 4€;prenotazione obbligatoria (entro sabato 1° febbraio ore 16) ai numeri 3396125612/3290607021 o tramite e-mail associazionedmunda@gmail.com

Domenica 23 febbraio 2020, ore 15.00  Piccoli ciceroni si nasce!

Laboratorio didattico per tutti i bambini dai 6 ai 13. Dopo una visita al museo e alla città di Campli i ragazzi si improvviseranno piccoli ciceroni. Alla fine del laboratorio merenda per tutti i partecipanti e accompagnatori! (Durata laboratorio dalle 15 alle 18.30). Prenotazione obbligatoria (entro sabato 22 febbraio ore 15) ai numeri 3396125612/ 3290607021 o tramite e-mail associazionedmunda@gmail.com .Costo laboratorio: 5€.

CHIETI

Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo – Villa Frigerj

Via G. Costanzi, 2 – Villa comunale – Orario: martedì-domenica 8.30/19.30. Chiuso il lunedì. La biglietteria chiude 30 minuti prima. Biglietto intero € 4,00, ridotto € 2,00. Tel. 0871 331668; 0871 404392. http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=61&nome=museo-archeologico-nazionale-dabruzzo-villa-frigerj – Facebook e Instagram: Musei Archeologici di Chieti. Domenica 2 febbraio entrata gratuita

ATTIVITÀ DIDATTICHE a cura dell’Associazione Culturale OltreMuseo. Info e prenotazioni: 3336405713; e mail: associazioneoltremuseo@gmail.com:

Domenica 2 febbraio ore 17.00 Bambole e carretti come una volta. Laboratorio creativo.

Prendendo spunto da oggetti esposti nelle vetrine del museo verranno realizzati piccoli giocattoli d’argilla simili a quelli che i bambini dell’antica Teate usavano per giocare e divertirsi.

A cura dell’Associazione culturale OltreMuseo. Contributo per l’attività: € 4,00 a bambino (gratuito per gli accompagnatori). E’ gradita prenotazione al 333. 6405713; email: associazioneoltremuseo@gmail.com.

Domenica 23 febbraio, ore 17.00 Laboratorio creativo Maschere e costumi dall’antichità.

Costruisci la tua maschera per diventare il forte Ercole, il potente Guerriero o un’aristocratica romana. A cura dell’Associazione culturale Oltre Museo. Attività gratuita. E’ gradita prenotazione al 333.6405713; email: associazioneoltremuseo@gmail.com

Museo Archeologico Nazionale – La Civitella

Via G. Pianell – tel. 0871 63137. Chiuso  lunedì, martedì giovedì.  Aperto: mercoledì, venerdì, sabato e domenica 8.30/19.30.  La biglietteria chiude 30 minuti prima. Biglietto intero € 4,00, ridotto € 2,00. Tel. 0871 63137 http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=316&nome=museo-archeologico-nazionale-la-civitella – Facebook e Instagram: Musei Archeologici di Chieti. Domenica 2 febbraio entrata gratuita

Mostra Scene di vita nella tradizione popolare a cura di Lucia Arbace, Francesco Stoppa e Francesca Falcone.  La mostra si concentra su tre aspetti della tradizione popolare abruzzese; le statuine di terracotta dipinte, gli acquarelli e gli abiti tradizionali abruzzesi del 1800. Le statuine Borboniche in terracotta della tradizione pacentrana sono delle fedelissime riproduzioni di scenari di vita nei campi, nelle abitazioni e nelle piazze del paese, scorcio della società rurale e pastorale. Attraverso una minuziosa tecnica esecutiva  ci forniscono molte informazioni fra cui  significativi elementi di appartenenza ad una comunità. Il Presepe non è solo la riproduzione della natività, bensì l’attualizzazione dell’epifania nella vita di tutti i giorni, in uno spaccato di una società agro-pastorale locale. L’esposizione, che presenta anche un presepe marinaro con ambientazione nella costa dei trabocchi, è composta da statuine Borboniche in terracotta degli artigiani di Pacentro, comune che ha patrocinato la mostra (Collezione privata F.Stoppa, C. Carapelle), Gouaches di autori anonimi del primo ‘800 e copie filologiche ed originali di abiti tradizionali abruzzesi (Collezione privata F.Stoppa). Gli allestimenti sono stati realizzati dal Centro di Antropologia Territoriale dell’Abruzzo (DiSPUTer-U.d’A.) e Compagnia Tradizioni Teatine che animerà gli eventi dedicati al ballo e canto tradizionale. Altri materiali vengono dalle collezioni private di Camillo Carapelle e Francesco Stoppa e dalla Mostra Abiti e Tessiture Tradizionali di Torrevecchia Teatina. Fino al 18 aprile .

Domenica 2 febbraio, ore 17.00 Lame e Ori nell’ambito della mostra “Scene di Vita nella Tradizione Popolare”, i curatori organizzano un laboratorio di scambio di abilità professionali tra artigiani locali e ricercatori specializzati che si incontrano con il pubblico in spazi dedicati, per conoscersi e raccontare le loro storie. Dalle ore 17.00 i visitatori saranno accolti ed accompagnati nel percorso espositivo dai curatori della mostra, Francesco Stoppa e Francesca Falcone. La giornata sarà arricchita da una conferenza sulle Lame Abruzzesi a cura di Lorenzo Pasquini, artigiano e ricercatore nell’ambito della coltelleria tradizionale della nostra terra. Seguirà una parte più tecnica sulle indagini qualitative e composizionali degli Ori, magnifici Gioielli Borbonici della collezione Francesco Stoppa e Antonio Scasserra, Direttore del Musec-Musei del Costume del Molise.

ATTIVITÀ DIDATTICHE a cura dell’Associazione Mnemosyne.  Info e prenotazioni: 338 4425880, anche whatsapp, email: associazionemnemosyne@gmail.com:

Venerdì 14 febbraio, ore 18.00 Parole sulla pietra. Vita quotidiana in città in età romana Festeggiamo insieme San Valentino con una attività gratuita per adulti:  visita guidata e laboratorio a tema per adulti, per scoprire i principali monumenti di Teate e ricostruire frammenti di vita quotidiana in città in epoca imperiale attraverso l’analisi delle iscrizioni del museo. Attività gratuita a cura dell’Associazione Mnemosyne. Prenotazione obbligatoria al n. 338/4425880, anche via WhatsApp.

Domenica 16 febbraio, ore 16.30 Detective al Museo Laboratorio di archeologia per bambini dai 6 anni in su accompagnati da un genitore, per tracciare l’identikit di un reperto attraverso gli indizi disseminati nelle vetrine del museo. A cura dell’Associazione Mnemosyne. Contributo per l’attività: € 4,00 a bambino (gratuito per gli accompagnatori). Prenotazione obbligatoria al n. 338/4425880, anche via WhatsApp.

PESCARA

Museo Casa Natale di Gabriele d’Annunzio

Museo Casa natale di Gabriele d’Annunzio-corso Manthonè, 116 – orario 8.30/19.30. La biglietteria chiude alle 19.00 www.casadannunzio.beniculturali.it – Biglietto intero 4 €, ridotto 2 €.  tel.085.60391. Domenica 2 febbraio entrata gratuita

Mostra Canti della Natura – Due generazioni di artisti e la terra d’Abruzzo Sebastiano A. De Laurentiis  e Luigi D’Alimonte.  Lucia Arbace  propone una riflessione sull’attività di due artisti, di generazioni diverse, che hanno maturato un rapporto speciale con la loro terra, facendo tesoro dei prodotti della natura per dar vita alle loro opere.

Sono esibiti alcuni capisaldi dell’attività romana condotta negli anni Sessanta e Settanta da Sebastiano A. De Laurentiis (Roccascalegna 1938-2018): grafiche e sculture acquistate nel 2012 per la raccolta d’Arte contemporanea del MuNDA. Opera centrale dell’esposizione è una scultura del 1965, dove «le uova rinserrate nel duro e spinoso filo di ferro… con esso si difendono e da esso vengono brutalmente mortificate. Tra pietà e dolore, tra protesta e sofferenza» (L. Tundo in Arte e Poesia). Le grafiche testimoniano la straordinaria padronanza della tecnica incisoria, che l’artista aveva approfondito presso la Calcografia Nazionale a Roma con Maurizio Calvesi. In mostra è anche un omaggio al grande fotografo Gianfranco Gorgoni, recentemente scomparso a New York, il quale ha documentato in particolare l’installazione “I Canti della terra” di Sebastiano De Laurentiis. Di diverso tenore è l’attività di Luigi D’Alimonte (Pescara 1967, attivo a Cugnoli), che pure manifesta un grande amore per le sue montagne, utilizzando la pietra della Maiella, nella tipologia cosiddetta rustica e nell’altra detta paglierina, che diventa leggera come una carta da musica evocando flauti di Pan e soffi di vento. L’artista svuota la materia e la rende impercettibile, quasi diafana, generando forme di grande forza evocativa. In mostra anche un omaggio al grande fotografo Gianfranco Gorgoni, recentemente scomparso a New York, il quale ha documentato in particolare l’installazione “I Canti della terra” di Sebastiano De Laurentiis. Fino al 16 febbraio

Mostra d’Annunzio intimo e segreto. Il sogno di un esteta. Curata da Lucia Arbace e Marzio Maria Cimini: più di 70 tra autografi, cimeli, abiti e fotografie della collezione di Gianni Santomo testimoniano il rapporto tra Gabriele d’Annunzio e Letizia de Felici, una delle sue ultime amanti soprannominata dal Poeta Mèlitta. Attorno a questi straordinari documenti i curatori hanno costruito una narrazione che procede parallela e distinta: anzitutto l’omaggio al primo studioso di questa collezione e al curatore dell’epistolario completo d’Annunzio-Mèlitta, il prof. Vito Moretti, nel primo anniversario della sua scomparsa; poi la ricostruzione delle interessanti vicende che hanno portato a Pescara questa importante collezione: la ristrutturazione e la riapertura al pubblico del Palazzetto Imperato, progettato dal cognato di d’Annunzio, Liberi,  acquisito da Gianni Santomo e riportato ad antico splendore, quale lo si vede oggi, dall’Arch. Mario D’Urbano, per ospitare le prime sale espositive dei materiali, il negozio “Teleria” di corso Umberto, che ha fatto la storia del commercio pescarese nella sua epoca d’oro. Una mostra caleidoscopica che, partendo da una collezione variegata e stupefacente, racconta una storia lunga un secolo fatta di voci diverse che intonano all’unisono un inno al bello. Inaugurazione venerdì 28 febbraio, ore 17.30  

ATTIVITÀ DIDATTICHE Associazione DadAbruzzo. Info,costi e prenotazione obbligatoria al 388.2408406; dadabruzzo@libero.it –  www.dadabruzzo.wordpress.com:

Domenica 2 febbraio, ore 16.00 miti e leggende al museo. La visita sarà incentrata sulle due sale che custodiscono le tele raffiguranti “Il ratto di Proserpina” ed “Enea che fugge dalla città in fiamme”. Partendo dalla storia di questi miti raccontata da Ovidio e Virgilio, si farà capire ai più piccoli che i supereroi di oggi non sono altro che la trasposizione delle divinità del passato. Dopo aver avvicinato questi miti alla storia dell’arte e al mondo dei supereroi, l’educatore museale aiuterà i bambini a realizzare il proprio, personale supereroe, giocando con la loro fantasia e la loro creatività. L’attività è rivolta ai bambini dai 5 ai 10 anni. L’ingresso al museo è gratuito, il costo del laboratorio è di 7,00€ a bambino. Tutte le attività sono su prenotazione e a cura di DADAbruzzo, Associazione di Promozione Sociale e Culturale. Per info e costi: 388.2408406;  dadabruzzo@libero.itwww.dadabruzzo.wordpress.com. Le iniziative a pagamento sono rivolte ai soci e a chi desidera tesserarsi. Il costo della tessera associativa è di 3,00 €.

POPOLI

Taverna Ducale

Apertura su richiesta- www.tavernaducalepopoli.beniculturali.it – Tel.085.986701/0864.32849

CASTIGLIONE A CASAURIA

Abbazia San Clemente

www.sanclementeacasauria.beniculturali.it. –Aperto dal martedì al sabato dalle 8.30 alle 13.30. Ultima entrata ore 13.00.  Tel. 085.8885162 – 0864.32849. Ingresso gratuito. L’ Abbazia di San Clemente potrebbe rimanere chiusa in caso di condizioni climatiche avverse.

Domenica 2 febbraio aperto

ATTIVITÀ DIDATTICHE a cura dell’Associazione DADAbruzzo Info, costi e prenotazioni obbligatorie al 388.2408406;dadabruzzo@libero.it; www.dadabruzzo.wordpress.com:

ALTRI LUOGHI DI CULTURA AFFERENTI AL POLO MUSEALE DELL’ABRUZZO:

L’Aquila –  Basilica di San Bernardino. Orario 9.30/12.30; 15.30/18.00

Massa d’Albe (AQ) – Chiesa di San Pietro in Alba Fucens – tel. 0863.23561

Capestrano (AQ) Chiesa di San Pietro ad Oratorium – cell.349.5407560

Carpineto della Nora (PE) Chiesa di San Bartolomeo – tel. 085849138 – Comune di Carpineto

Popoli (PE) Taverna Ducale  – Apertura su richiesta –  www.tavernaducalepopoli.beniculturali.it – info  tel. 085 986701- 0864 32849

Chieti – Chiesa di San Domenico al Corso.

Fossacesia (CH) – Abbazia di San Giovanni in Venere

In tutti i musei biglietto gratuito al di sotto dei 18 anni. Con il biglietto d’ingresso ad un museo è possibile nella stessa giornata visitarne un altro della rete statale con riduzione. Tutti i musei sono senza barriere architettoniche.

TRATTO DA: Newsletter del Polo Museale dell’Abruzzo – L’Aquila (Direttore Lucia Arbace, Redazione e testi Raffaella De Nicola) – Ufficio Stampa Polo Museale dell’Abruzzo

Print Friendly, PDF & Email