Disastro sanitario – Sindaci marsicani vicini a medici e infermieri

COMUNICATO STAMPA

15 dicembre 2020

I SINDACI: “DISASTRO SANITÀ MARSICANA. SIAMO VICINI AI MEDICI, AGLI INFERMIERI E AGLI OPERATORI SOCIO SANITARI”

 
“Medici, infermieri e operatori socio sanitari devono sapere che siamo al loro fianco e che non abbiamo condiviso la posizione intimidatoria della dirigenza dell’Azienda sanitaria provinciale. L’immane ed encomiabile sforzo compiuto in questi mesi per fronteggiare la seconda ondata della pandemia che si è accanita con violenza sulla Marsica li legittima, anzi, a far sentire la loro voce”.

È l’invito dei sindaci della Marsica, rivolto al personale sanitario della provincia di L’Aquila per protestare contro i provvedimenti firmati dal direttore generale Testa, dalla direttrice sanitaria Cicogna e dal direttore amministrativo Di Rocco.

Una disorganizzazione evidente: tutti hanno avuto notizia dei morti fuori il pronto soccorso in attesa di essere ricoverati, dei ritardi, dell’implosione del sistema dei tamponi, delle promesse di assunzioni e di implementazione dei posti letto disattese.
Si deve correre ai ripari e non impiegare il tempo in indagini per scoprire e punire chi ha avuto il coraggio di denunciare pubblicamente la situazione interna all’ospedale. Stessa cosa dicasi per gli avvertimenti rivolti ai giornalisti.

I medici, gli infermieri e tutto il personale sanitario devono sapere che i cittadini e noi sindaci siamo dalla loro parte e che rispettiamo il diritto di esprimere una opinione informata. Tanto più quando proviene da chi lotta in prima linea.

La situazione sanitaria nell’intera provincia di L’Aquila è allo sfascio totale e, mentre ancora piangiamo i nostri morti e cerchiamo di curare al meglio le centinaia di persone colpite dal virus e da altre patologie, si prospetta a breve una terza ondata di contagi che può essere ancor più violenta.

Bisogna rinforzare gli organici, i turni sono estenuanti: il personale ha bisogno di serenità e di un coordinamento serio ed efficiente”.

Occorre fare presto e rimediare a quanto non fatto fino ad oggi: la terza ondata non può trovare lo stesso livello di impreparazione che ha caratterizzato la seconda!”

I sindaci dei Comuni di: Tagliacozzo, Luco dei Marsi, Aielli, Scurcola Marsicana, Collelongo, Cappadocia, Carsoli, Capistrello, Castellafiume, Trasacco, Cerchio, Civitella Roveto, Collarmele, Gioia dei Marsi, Massa d’Albe, Morino, Oricola, Ortucchio, Pereto, San Benedetto dei Marsi, Avezzano, Pescina, Balsorano, Sante Marie, Rocca di Botte, San Vincenzo Valle Roveto, Ortona dei Marsi, Celano, Villavallelonga, Magliano dei Marsi.

VAI ALLA SEZIONE SPECIALE “EMERGENZA CORONAVIRUS”:

Print Friendly, PDF & Email