Covid 19 – Vaccinazione magistrati: Ordine avvocati attacca Regione

E’ polemica sulla decisione della Regione Abruzzo di vaccinare magistrati e personale giudiziario. L’avvocatura abruzzese prende posizione sulle somministrazioni dei vaccini garantite, ieri mattina al Palafiere di Pescara, ai magistrati e al personale della Procura.

sull’argomento avevamo già scritto QUI. In tutto si tratta di circa 350 persone, incluso il personale degli uffici delle dogane e delle entrate e 21 dipendenti della Regione Abruzzo del dipartimento sanità, che dovrebbero garantire assistenza per un concorso di medicina generale che si terrà i primi giorni di maggio.

Tali vaccinazioni sono iniziate ieri e riguardano – è bene precisarlo – solo i Magistrati e il personale giudiziario: sono esclusi, quindi, avvocati e praticanti, che pur frequentano le aule di giustizia e gli uffici.

Il Il C.O.F.A. (Collegio Ordini Forensi Abruzzo), in merito a tale decisione, esprime “forte perplessità per una iniziativa che antepone la tutela di pochi a quella dei più fragili, quali gli anziani ed i portatori di gravi patologie” e manifesta la propria soddisfazione “per il fatto che all’Avvocatura Abruzzese, pur se protagonista del ‘ servizio essenziale della giustizia ‘ in misura al meno pari ai magistrati ed al personale di cancelleria, sia risparmiato l’imbarazzo di una priorità che si tradurrebbe di fatto in un privilegio, che in molti non comprenderebbero, sottolinenando l’ovvia ma necessaria considerazione che non esiste giustizia senza Avvocati“.

Di seguito il comunicato integrale del Collegio Ordini Forensi Abruzzo:

COMUNICATO STAMPA

Al Presidente della Regione Abruzzo, all’Assessore Sanità Regione Abruzzo, al Presidente Corte d’Appello Abruzzo, ai Presidenti dei tribunali d’Abruzzo, ai Procuratori della repubblica d’Abruzzo, al C.N.F, all’O.C.F.

Il C.O.F.A, richiamata la propria delibera 1.3.2021 in cui ha evidenziato l’opportunità di salvaguardare il primo luogo i soggetti più fragili, aggiungendo tuttavia, ove si fosse deciso di procedere alla vaccinazione del personale della giustizia, sarebbe stato necessario includere anche gli Avvocati e Praticanti;

  • Preso atto che il Governo della repubblicaItaliana ha ribadito, proprio in questi giorni, la necessità che si proceda con il programma vaccinale secondo un unico, obiettivo criterio: quello legato alle condizioni di rischio e fragilità del singolo individuo, in concreto legato all’età anagrafica;
  • Appreso che invece in Abruzzo è stata avviata la vaccinazione del “Personale di giustizia”, cioè magistrati e personale di cancelleria;
  • Rilevando che dall’inizio sono stati esclusi gli Avvocati e praticanti, al contrario di quanto riportato da alcuni organi di stampa, anche di rilievo nazionale;

Esprime

Forte perplessità per una iniziativa che antepone la tutela di pochi a quella dei più fragili, quali gli anziani ed i portatori di gravi patologie e

Manifesta

Soddisfazione per il fatto che all’Avvocatura Abruzzese, pur se protagonista del “servizio essenziale della giustizia” in misura al meno pari ai magistrati ed al personale di cancelleria, sia risparmiato l’imbarazzo di una priorità che si tradurrebbe di fatto in un privilegio, che in molti non comprenderebbero, sottolinenando l’ovvia ma necessaria considerazione che non esiste giustizia senza Avvocati.

Avezzano, 29.03.2021

Il C.O.F.A. (Collegio Ordini Forensi Abruzzo)

Segreteria Ordine Avvocati Avezzano: foroavezzano@gmail.com

Print Friendly, PDF & Email