Costruiva lanciafiamme e altre armi che pubblicizzava sui social – Arrestato un 46enne

Aveva messo su un vero e proprio laboratorio per la fabbricazione di armi. Un uomo di 46 anni di Lanciano è stato arrestato questa mattina dalla polizia, con l’accusa di costruire armi e di detenerne abusivamente, anche di clandestine e di tipo da guerra.  L’uomo, stando ai riscontri delle forze dell’ordine, realizzava anche “congegni artigianali esplodenti, risultati altamente offensivi dalle perizie tecniche che sono state effettuate“. 

Le indagini, coordinate dalla Procura di Lanciano e dalla Direzione centrale della Polizia di Prevenzione, hanno portato al sequestro di numerose armi, tra cui un lanciafiamme, proiettili, detonatori, bottiglie motolov, polvere da sparo e altro materiale. Le verifiche hanno poi consentito di accertare che l’uomo, dopo aver realizzato i vari dispositivi, azionabili anche a distanza, ne pubblicizzava le modalità di preparazione, uso e commercializzazione, postando, sia sui propri account riservati che sui social network, video tutorial visualizzati da migliaia di utenti, con i quali – scrive la polizia – “colloquiava con post didattici“.  Tra i vari reati contestati anche l’istigazione in rete alla disobbedienza alle leggi dell’ordine pubblico. L’operazione è stata illustrata in commissariato a Lanciano dal questore di Chieti, Annino Gargano, e dalla dirigente del commissariato Lucia D’Agostino. Le indagini proseguono. 

Print Friendly, PDF & Email