Coronavirus, Abruzzo – I consiglieri regionali tagliano 10% indennità

Sospiri: '250 mila euro per comprare respiratori è un gesto doveroso'.

Tutti i consiglieri regionali d’Abruzzo si tagliano l’indennita’ mensile di carica per destinare la quota raccolta all’acquisto di almeno 10 respiratori da assegnare agli ospedali abruzzesi. Lo hanno deciso i Capigruppo accogliendo la mia richiesta. Questo e’ il momento per dimostrare la nostra vicinanza concreta, non solo istituzionale, all’Abruzzo che con l’aiuto di tutti superera’ anche l’attuale emergenza che riguarda tutto il Paese e deve dunque vederci tutti partecipi e attivamente coinvolti“.

Ad ufficializzare la decisione e’ il presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri che aggiunge: “in questi giorni febbrili i nostri uffici stanno moltiplicando i propri sforzi e il proprio lavoro con un occhio attento al comparto Sanita’, ovviamente, all’economia locale in tutte le sue sfaccettature e alla popolazione. Noi amministratori – aggiunge – non possiamo essere da meno rispetto a chi, nonostante la paura, la stanchezza, i timori, le preoccupazioni, e le notizie che pure rimbalzano da una parte all’altra del mondo, continua a vivere l’emergenza Coronavirus in prima linea, toccando la malattia ogni giorno con le proprie mani, mettendo a rischio la propria stessa vita, ma pure senza demordere un solo secondo, con il solo obiettivo di salvare i propri pazienti”.

E’ stato lui ad avanzare la richiesta ai capigruppo e cosi’ da aprile i consiglieri taglieranno del 10% le loro indennita‘ fino a raggiungere una somma pari a 250 mila euro con cui comprare almeno 10 respiratori. “Nel frattempo – conclude Sospiri continueremo a lavorare al fianco di tutti i nostri operatori sanitari pronti a supportare altre necessita’. Ovviamente ringrazio personalmente tutti i consiglieri regionali per la grande sensibilita’ dimostrata“.

***

VAI ALLA SEZIONE SPECIALE – EMERGENZA CORONAVIRUS

***

Print Friendly, PDF & Email