Coronavirus, Abruzzo – ‘Caso Liris’ in Parlamento ; Di Nicola (M5S) “si dimetta!”

Presentata interrogazione e chieste indagini ministeriali.

Arriva fino a Roma la vicenda che vede coinvolto Guido Liris, l’assessore al Bilancio della Regione Abruzzo, che aveva deciso di tornare in corsia con il placet della Asl per un incarico nella direzione dello staff, part-time e a titolo gratuito. Sul “caso Liris” il senatore abruzzese del Movimento 5 Stelle, Primo Di Nicola, ha presentato un’interrogazione al ministro della Salute, Roberto Speranza, e quello della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, chiedendo al contempo allo stesso assessore regionale al Bilancio di dimettersi e al Governo di valutare la possibilittà di avviare indagini ministerialivolti ad acquisire gli atti relativi a quanto illustrato in premessa, valutarne la regolarita’ ed eventualmente, disporne l’annullamento e trasmettere tutto alla magistratura per gli opportuni rilievi“.

Senatore Primo Di Nicola

La clamorosa decisione, che di fatto ha determinato la configurazione di un illegittimo cumulo di incarichi e compensi, oltre ai pur evidenti profili legali di incompatibilita’ e inconferibilita’ di incarichi presso le pubbliche amministrazioni, ha suscitato forti reazioni sul piano dell’opportunita’ politica e morale, tanto da indurre l’assessore stesso, nel tentativo grottesco di rimediare alla situazione – prosegue Di Nicola – a dichiarare, solo successivamente, di voler rinunciare ad ogni corrispettivo di natura economica, e, dopo pochissimo tempo, il direttore generale a revocare il provvedimento di reintegro“. Per il senatore pentastellato una vicenda grave piu’ che dal punto di vista legale, dal punto di vista “etico e morale” che “rappresenta una realta’ in cui ancora e’ persistente un intreccio perverso tra politica e pubblica amministrazione, imponendo inevitabilmente la necessita’ di intervenire tempestivamente per fare chiarezza“.

Senatrice Gabriella Di Girolamo

Sullo stesso argomento era intervenuta anche la senatrice abruzzese pentastellata Gabriella Di Girolamo: “solo una volta scoperto con le mani nella marmellata Liris ha chiesto di svolgere il servizio alla Asl gratuitamente, anziché dimettersi e riconciliarsi per una volta con la categoria della dignità politica. Sulla vicenda sarà la magistratura a far chiarezza, ma mi preme sottolineare l’ennesimo brutto esempio che dà la politica che, anche in un periodo come questo, continua a predicare bene e razzolare male. La leader di Fdi Giorgia meloni non ha nulla da dire in proposito?”.

Print Friendly, PDF & Email