Coronavirus – Abruzzo, 52 nuovi casi, il totale sale a 1.354 ; curva dei contagi segue la previsione; a Castiglione MR sale a 13 il numero delle vittime, in 24 ore morti padre e figlio

Dall’inizio dell’emergenza in Abruzzo sono stati registrati 1354 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, anche attraverso l’Istituto Zooprofilattico di Teramo. Rispetto a ieri si registra un aumento di 52 nuovi casi.

I numeri dei contagiati
In ospedale, ma non in terapia intensiva, sono ricoverate 322 persone (41 in provincia dell’Aquila, 71 in provincia di Chieti, 135 in provincia di Pescara e 75 in provincia di Teramo); 778 quelle in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl (50 in provincia dell’Aquila, 145 in provincia di Chieti, 339 in provincia di Pescara e 244 in provincia di Teramo). Restano 7 le guarigioni accertate, mentre sale il numero dei clinicamente guariti: 67 le persone passate da sintomatiche ad asintomatiche. Del totale dei casi positivi, 115 si riferiscono alla Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, 273 alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, 594 alla Asl di Pescara e 363 alla Asl di Teramo. Dei 52 casi positivi al Covid 19 registrati oggi, 14 fanno riferimento alla Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, 7 alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, 18 alla Asl di Pescara e 13 alla Asl di Teramo. Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 7948 test, di cui 4904 sono risultati negativi.

Alberto Albani, referente regionale per la sanità dell’Unità di Crisi della Regione Abruzzo

Curva dei contagi segue la previsione.
La curva dei contagi segue la previsione“. Ad affermarlo è Alberto Albani, referente regionale per la sanità dell’Unità di Crisi della Regione Abruzzo oggi ospite della rubrica dell’ente Sos Coronavirus. Una previsione che, ricorda, dovrebbe raggiungere i 1.500 casi di positività al Covid-19. Numero cui, con i dati di oggi, il territorio sarebbe dunque molto vicino: sono 1.354 quelli registrati. “Un numero elevato– sottolinea- ma che il nostro sistema sanitario regionale è in grado di assorbire, pur sottolineando che la partita non si vince a livello ospedaliero ma territoriale e adottando comportamenti corretti, per spezzare la linea di trasmissione del virus“. L’organizzazione delle Asl, con i trasferimenti dei pazienti in altri ospedali e nelle cliniche private, aggiunge Albani, sta sostanzialmente funzionando dato che, afferma, “consente di aumentare i posti di terapia intensiva e sub intensiva“. Una rete ospedaliera che, precisa, “ha mostrato una grande capacità di integrazione consentendo a tutti di essere curati”. Albani ha quindi annunciato che ai 300 monitor già consegnati alle Asl, oggi a loro saranno consegnati 12 ventilatori distribuiti in base ai posti letto e ai pazienti, in attesa che un numero più adeguato possa essere sbloccato sul mercato. Ad aumentare, ricorda, anche il numero dei tamponi effettuati quotidianamente. Il primario del Pronto Soccorso di Pescara si si sofferma anche a delineare la potenza del Coronavirus che in Abruzzo si attesta su una capacità di contagio di 2-2,5: ovvero un Covid positivo può infettare a sua volta due/due pazienti e mezzo. “Pur essendo elevato il rischio– conclude Albani- si tenga conto che il morbillo ha una capacità di contagio di uno a 18. Purtroppo il Coronavirus presenta una capacità di peggioramento che può portare alla mortalità“.

Vincenzo D’Ercole, sindaco di Castiglione M.R.

Castiglione Messer Raimondo, sale a 13 il numero delle vittime.
Sempre più drammatica la situazione a Castiglione Messer Raimondo: nelle ultime ore sono morti un padre e un figlio entrambi affetti da Covid-19, portando a 13 il numero delle vittime e dove, ad oggi, sono 56 i casi accertati. L’unica buona notizia nel paese è che inizieranno finalmente i tamponi a tappeto e ad annunciarlo sul suo profilo Fb è il sindaco Vincenzo D’Ercole, anche lui colpito dal Coronavirus. “A seguito di una importante interlocuzione con il direttore del dipartimento Prevenzione della Asl di Teramo, Ercole D’Annunzio– scrive- nella giornata di mercoledì 1 aprile sui nostri territori comunali vi saranno due ambulanze che effettueranno tamponi per il virus Covid-19“. “Tali controlli, in questa prima fase– aggiunge- riguarderanno le persone che, individuate dai medici di base hanno dei sintomi da Coronavirus e sono a casa”. Grazie ad una postazione fissa “si estenderanno alle persone che per lavoro sono quotidianamente esposti al rischio contagi e trasmissione“, ovvero farmacisti, volontari e tutti coloro che, per lavoro, entrano a contatto con altre persone. “Un piccolo passo in avanti che ci consentirà- conclude- nei prossimi giorni, di avere un quadro più delineato dei contagiati, già infinitamente troppi per la nostra realtà’“.

Print Friendly, PDF & Email