CONSIGLIO REGIONALE DELL’ABRUZZO – Ostensorio di Remo Brindisi esposto all’Emiciclo

COMUNICATO STAMPA

Il Presidente Giuseppe Di Pangrazio ha salutato l’arrivo dell’ostensorio ligneo dell’artista Remo Brindisi che sarà esposto a partire da oggi e fino al 2 settembre, all’esterno del colonnato di Palazzo dell’Emiciclo. Di Pangrazio ha accolto i rappresentanti dell’amministrazione comunale offrendo la disponibilità degli spazi esterni della sede dell’Assemblea legislativa: “L’Emiciclo conferma la sua recente vocazione di riapertura alla collettività abruzzese ed in particolare a quella dell’Aquila– ha detto Di Pangrazio –le innumerevoli manifestazioni di interesse ricevute e gli eventi svolti in questi giorni con quelli che seguiranno sono la conferma del raggiungimento dell’obiettivo prefissato con il restauro del Palazzo delle Esposizioni insieme all’ex Gil“. L’ostensorio è stato realizzato nel 1983 per accogliere la Bolla del Perdono e fu utilizzato nelle prime due edizioni della “Perdonanza moderna“, la cui prima edizione si fa risalire al 1983. Fu l’artista di fama internazionale, Remo Brindisi, a cui il sindaco Tullio De Rubeis si era rivolto, a realizzare un’opera che incorniciasse con la dovuta dignità l’antica pergamena, in modo che ogni aquilano accompagnandola a Collemaggio potesse ammirarla. L’ostensorio era rimasto custodito negli anni a Palazzo Margherita ed è stato in seguito recuperato grazie all’interesse del Gruppo aquilano di Azione Civica “Jemo ‘nnanzi“. Il restauro dell’ostensorio è stato affidato all’Accademia delle Belle Arti dell’Aquila che ha riportato l’opera all’originale splendore, inserendo anche una copia perfetta della Bolla del Perdono nella teca dove, per due edizioni del Corteo (1983 e 1984) sfilò addirittura l’originale.

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email