Chiusura discarica Colleferro – I rifiuti della Capitale negli impianti di Abruzzo e Lazio

Laura D'Aprile, direttore area rifiuti Ama: "l'azienda raccoglie 18mila tonnellate a settimana e ha capacità di trattamento per 19mila"

L’utilizzo di tutti gli impianti di trattamento del Lazio, ad esclusione del Tbm di Rida Ambiente, e dei due Tmb abruzzesi di Aciam e Deco, oltre a quello proprio di Rocca Cencia e ai due di Colari.

In questo modo Ama conta di tenere sotto controllo la gestione del ciclo dei rifiuti prodotti
a Roma
, garantendo la destinazione all’immondizia raccolta per tutto il 2020 e superando così il problema della chiusura della discarica di Colleferro.

Nonostante l’assenza in commissione capitolina Ambiente dei rappresentanti della municipalizzata dei rifiuti, a fare il punto della situazione ci ha pensato il direttore dell’area Rifiuti, Laura D’Aprile, che ha risposto alle domande dei commissari dell’opposizione Andrea De Priamo (FdI) e Valeria Baglio (Pd) leggendo una lettera inviatale da Ama lo scorso 16 gennaio. “Abbiamo chiesto ad Ama un aggiornamento urgente sulla gestione dei flussi anche in relazione alla chiusura della discarica di Colleferro, Ama ci ha risposta con nota in cui non si evidenziano particolari criticità nella gestione dei flussi e alla fine si legge ‘Si inviano i programmi medi delle prossime settimane che comportano possibilità di trattamento per circa 19mila tonnellate a fronte di previsioni della raccolta di circa 17.500/18mila tonnellate la settimana, garantendo di fatto un certo margine di sicurezza laddove si dovessero manifestare problematiche su uno degli impianti in elenco“.

Print Friendly, PDF & Email