CGIL L’Aquila piange morte prematura del compagno Giovanni Cialone

COMUNICATO STAMPA

I compagni e le compagne della CGIL della provincia dell’Aquila piangono la morte prematura ed improvvisa del compagno Giovanni Cialone accanto al quale hanno percorso un lungo cammino di analisi, lotte e prospettive.

Da sempre lavoratore iscritto alla CGIL, prima nella categoria e più recentemente nello SPI, Giovanni è sempre stato l’amico compagno al quale rivolgerci e con il quale condividere piattaforme e progetti. Particolarmente attento alla terra e al territorio era per noi riferimento per ogni questione ambientale ed avevamo la certezza della sua partecipazione alle nostre discussioni. Discussioni che porteremo avanti con la passione e la determinazione che lui ci ha insegnato e che, già patrimonio della nostra organizzazione, da oggi assumono il valore aggiunto della promessa di non arrenderci che facciamo ad uno di noi che ci lascia. Avevamo parlato proprio qualche giorno fa della possibilità di una piattaforma comune sulle tematiche ambientali più urgenti e significative per l’attualità del nostro territorio ed eravamo in attesa di poter riprendere le attività della Scuola del Popolo all’interno del cui programma ci avrebbe accompagnati/e a scoprire ‘la forma del territorio’, attraverso passeggiate narrate tra la sua amata Amiternum e la Riserva Regionale del Vera.

Ad ogni passeggiata aveva voluto unire degustazioni sostenibili, e noi avevamo accolto con favore le sue proposte perché con Giovanni si concretizzava il senso della condivisione del pane da cui viene la parola compagno. E allora ciao Compagno Cialone, siamo certi e certe che per te la terra sarà più lieve perché le appartieni molto più di ognuno di noi.

I compagni e le compagne della CGIL della provincia dell’Aquila

Print Friendly, PDF & Email