Capistrello, tamponi rapidi: le 5 giornate della Give solution

Quando è emergenza è emergenza. Comune più veloce della Camera di commercio: la delibera di autorizzazione emessa un giorno prima della registrazione della società alla CCIAA. I due soci della Give solution srl tra politica e affari

Primo a destra - Riccardo Silvagni, amministratore unico Give solution srl

La Giunta comunale di Capistrello ieri ha deliberato l’uso di una piazza alla Give solution srl per eseguire tamponi rapidi alla popolazione. Peccato che alla Camera di commercio tale società risulta registrata soltanto questa mattina, 3 novembre.

Capistrello e l’allarme Covid 19

C’è preoccupazione a Capistrello per l’alto numero di contagi registrati in paese. E così, vista la dichiarazione dello stato d’emergenza a causa della pandemia da Covid 19, ieri 2 novembre alle 13,30 la Giunta comunale al completo ha adottato la Delibera n. 77. A sottoscriverla il sindaco Francesco Ciciotti e gli assessori Angelo Stati, Orazio De Meis, Antonella Silvestri ed Emanuela Cappucci, alla presenza del Segretario generale dott. Cesidio Falcone.

Con tale delibera si concede alla società privata Give Solution srl l’uso gratuito di uno spazio pubblico adiacente al palazzo municipale, Piazza San Silvio, affinché:

“possa essere ivi condotta una campagna di screening per la positività Sars – cov -2 (Covid 19) per mezzo di tamponi antigienici rapidi”.

Non solo. Per consentire le prenotazioni dei cittadini il Comune – caricandosi così del problema dell’uso e conservazione di dati sensibili dei cittadini in tema sanitario – mette a disposizione del servizio anche uno dei numeri telefonici comunali: 0863-4584203. “Le prenotazioni telefoniche – si specifica nella Delibera – potranno effettuarsi dalla ore 9 alle 12 e dalle ore 15 alle 18”. Nella Delibera la Giunta precisa che:

gli oneri per la partecipazione volontaria allo screening saranno a carico del singolo cittadino e che sarà fatto esplicito divieto di partecipazione dei cittadini che sono sottoposti a vincolo di quarantena fiduciaria, fino al perdurare dello stesso, e che presentano sintomi febbrili, simil-influenzali o suggestivi di infezione acuta delle vie aeree.”

La giunta comunale ha preso tale decisione dopo che la Give Solution srl gli aveva già espresso (non sappiamo in che data) la sua disponibilità a:

“effettuare tamponi antigienici rapidi con postazione mobile da installare nel territorio comunale di Capistrello, garantendo un prezzo calmierato per tutti i cittadini che vorranno usufruire del servizio, fissato in euro 30, e provvedendo all’organizzazione del servizio a sue complete spese”.

Le Cinque giornate della Give solution

E’ proprio il caso di dire che si tratta di una società cotta e magnata. Nei dati riportati sulla delibera – sicuramente per un errore di battitura – il numero di partita iva della ditta risulta incompleto: un errore che ci ha costretti a un lavoro supplementare. Ma vediamo cosa è saltato fuori soltanto questa mattina dalla banca dati della CCIAA.

La società risulta costituita il 28 ottobre 2020 (appena sei giorni fa), presso lo studio notarile Selvaggio Alessandro, a L’Aquila. E’ stata però iscritta nella sezione ordinaria della Camera di commercio solo questa mattina, 3 novembre 2020: il giorno dopo, cioè, la Delibera di Giunta del Comune di Capistrello, che risulta invece emanata il giorno 2 novembre 2020.

La sede legale risulta ad Avezzano via Vincenzo Falcone 18/B, il capitale sociale è di 10mila euro (versati 2.500 euro). Le quote sociali risultano divise a metà tra Pierluigi Panunzi (domiciliato ad Avezzano) e Riccardo Silvagni (domiciliato a Pescara): quest’ultimo è anche l’Amministratore unico della società.

Politica e affari

Non solo imprenditori. Riccardo Silvagni, 33 anni, risulta essere uno dei candidati nelle ultime elezioni amministrative di Avezzano, nella lista Italia Unione di Centro, a sostegno del candidato sindaco leghista Tiziano Genovesi.




da sinistra: Riccardo Silvagni e Pierluigi Panunzi

I soliti bene informati del Bar Samurai giurano che al fianco di Silvagni, nella ricerca dei voti durante la scorsa campagna elettorale, si è visto spesso anche Pierluigi Panunzi, suo socio in affari. Panunzi per certi versi è considerato un figlio d’arte: suo padre Mario Panunzi – ex democristiano e collettore di voti di lungo corso – è stato in passato Assessore regionale al bilancio per la Dc: in tema sanitario, di recente è invece risultato coinvolto nell’inchiesta sull’Emporio dei certificati medici falsi.

Riccardo Silvagni, oltre che nella Give solution srl, risulta avere quote di partecipazioni anche nella R.A. Santa Maria Valleverde srl e nella SMV srl: in tutte e tre ricopre anche la carica di Amministratore unico.

Pierluigi Panunzi, oltre che nella Give solution srl, risulta invece come socio accomandatario nella Europrogrammi sas e con quote di partecipazioni nella P. & B. Auto srl (51%, società in liquidazione) e nella Diagnostic medical devices and protection devices srl (25%). Risulta invece presente anche in passaggi di quote della Soffarredo srl, Ergotec srl (37,5%), Labteq srl (20%).

Print Friendly, PDF & Email