Capistrello e Tagliacozzo, radiografie di due inchieste esemplari (1)

di Angelo Venti e Claudio Abruzzo

L’inchiesta che alcuni mesi fa a Capistrello ha portato alla caduta dell’amministrazione Ciciotti presenta analogie impressionanti con quella, altrettanto clamorosa, che nel 2016 a Tagliacozzo ha causato la fine dell’amministrazione Di Marco Testa. Due inchieste fotocopia che – stando almeno alla letture delle carte prodotte dagli stessi inquirenti – appaiono a loro modo esemplari. Due inchieste che per gli effetti prodotti meritano di essere analizzate con attenzione. Vediamo perché.

I protagonisti

Intanto i protagonisti attivi, in entrambi i casi, sono gli stessi: il maggiore Edoardo Commandè alla guida della polizia giudiziaria; il Pm Roberto Savelli a coordinare le indagini (sostituito poi dal Procuratore capo Andrea Morichini Padalino); infine il giudice per le indagini preliminari, la dott.ssa Maria Proia. E anche i protagonisti passivi sono identici: prima di tutto amministratori, poi tecnici, dipendenti comunali e imprenditori. Uguali finora anche gli esiti: azzerate due amministrazioni comunali democraticamente elette.

Il teorema

Nelle due vicende sembra quasi che a dirigere l’azione degli inquirenti sia il teorema – ribadito più volte – basato sull’assunto che la corruzione e il malaffare siano insiti nella pubblica amministrazione. Un teorema la cui fondatezza – è bene precisarlo – è al momento in attesa di essere dimostrata in un regolare processo che accerti se dei reati sono stati realmente consumati e da chi. Ricordiamo che a Tagliacozzo l’inchiesta si è già clamorosamente sgonfiata, con ben 9 delle iniziali 13 ipotesi di reato cadute sotto la scure del Gup. E anche i presupposti giuridici di quella di Capistrello, al momento, appaiono traballanti e sembrano destinati a crollare come un castello di carte in sede di processo.

Lo schema

Ad essere interessante nelle due inchieste è lo schema seguito dagli inquirenti. A Tagliacozzo si parte da non meglio precisate e generiche voci di paese su presunte irregolarità nell’attività amministrativa; si individua poi il consigliere comunale Alfonso Gargano che presenta un generico esposto e, sulla base di questo, vengono autorizzate le intercettazioni telefoniche e ambientali. Infine le richieste del Pm e l’ordinanza del Gip, che dispone arresti e altri pesanti provvedimenti restrittivi.

Stessa dinamica a Capistrello. Nel comune rovetano si parte da un comunicato stampa, quello con cui nel marzo 2017 Francesco Bisegna motiva le sue dimissioni da consigliere comunale. Sentito il Bisegna, i carabinieri scrivono: “non ha riferito nulla di utile per il prosieguo delle indagini”. Ma l’attività “info-investigativa tesa a raccogliere molteplici indizi per analizzare il fenomeno” è ormai avviata: i militari sentono anche l’imprenditore Marco Lusi, titolare della ditta che ha eseguito la ristrutturazione del cimitero comunale, e nell’Informativa finale lo definiscono come la “prima pietra miliare” delle indagini. Vengono quindi autorizzate le intercettazioni telefoniche e ambientali e si individua così quello che diventerà il testimone principe su cui sembra poggiare questa seconda inchiesta: Dario Bucci, dipendente dell’ufficio tecnico comunale.

I dubbi

Fino a qui nulla di grave: si raccolgono voci, si avvia una attività info-investigativa, si apre un fascicolo, si autorizzano intercettazioni, si dispongono arresti e misure restrittive. Sembra tutto lineare ma forse non lo è: a guardar bene le carte, spuntano infatti una serie di elementi e considerazioni che messi in fila minano alla radice la solidità delle due inchieste.

I dubbi, infatti, sorgono se si prova a sfogliare i fascicoli: quello che crea maggiore sconcerto – e lo rileviamo con rispetto – è soprattutto la carente attività di riscontro delle notizie di reato e in particolare dell’affidabilità delle fonti su cui poggiano le indagini. Traspare anche una scarsa dimestichezza degli investigatori con le procedure amministrative e le dinamiche interne agli uffici comunali. E non risulta nemmeno il ricorso dei Pm a consulenti esterni per approfondire e comprendere meglio, ad esempio, le procedure seguite negli appalti o le modalità di esecuzione dei lavori.

Per capire meglio cosa è realmente successo è opportuno analizzare e incrociare gli episodi salienti trattati nelle due inchieste. Nel prossimo articolo parleremo dellaprima pietra miliare delle indagini”, cioè della presunta tangente relativa ai lavori di ristrutturazione del cimitero di Capistrello.

LEGGI ANCHE:


« Esiste, dunque, un giudice a Berlino ». Mannaia del GUP sull’inchiesta di Tagliacozzo: la sentenza

Inchiesta di Tagliacozzo: una giornalista come “agente provocatore” della Procura?

TAGLIACOZZO – L’inchiesta si sgonfia: le decisioni del GUP e le dichiarazioni dei difensori degli imputati

Capistrello, “La trattativa” – Udienza del riesame …e Ciciotti si dimette

Capistrello – “L’Asservimento della stampa alla politica” sotto la lente deformante della Procura

Inchiesta di Capistrello: le cose che non si dicono

CAPISTRELLO – Arresti all’alba, impegnati 50 carabinieri

ARRESTI DI TAGLIACOZZO – Il braccialetto del sindaco

Print Friendly, PDF & Email