CAM – Morgante motiva le dimissioni da presidente: “ho 60 anni”. Assemblea dei soci senza dibattito

Sindaci e delegati dei comuni soci di CAM spa, riuniti in conclave, non discutono di nulla. Quella tenutasi ieri presso la sede di Caruscino del Consorzio acquedottistico marsicano, infatti, è stata una assemblea dei soci pressoché inutile: le trattative per la nomina del nuovo presidente si terranno altrove, nei prossimi 10 giorni.

Solo 3 i punti all’ordine del giorno: lettura cd approvazione verbali sedute precedenti; dimissioni di Manuela Morgante dalla carica di Presidente del C.d.G.; presa d’atto approvazione bilancio consuntivo esercizio 2020.

L’assemblea inizia con una scontata relazione introduttiva del presidente del C.d.S Alfredo Chiantini, che conclude così: “sono in sala due sole testate accreditate [Site.it e Martello del Fucino, ndr], che ringraziamo per la loro presenza: i giornalisti sono però pregati, per ragioni di opportunità, di spegnere le telecamere nel momento del dibattito dei comuni soci”.

E’ seguito poi l’intervento della dott.ssa Manuela Morgante, che ha ribadito ai soci del Cam i motivi delle sue dimissioni da Presidente. Motivazioni che così riassumiamo: “Ho 60 anni”.

Quella fatta da Chiantini ai giornalisti si è rivelata però come una raccomandazione superflua: tranne un intervento di rito del vicesindaco di Avezzano, il dibattito tra i soci proprio non c’è stato. Tutti muti.

Vista l’assenza del dibattito, i soci presenti in assemblea non hanno discusso in alcun modo dei nomi degli aspiranti sostituti della Morgante. Presidente che, secondo la consolidata tradizione imperante al Cam, verrà deciso altrove da un ristretto numero di persone e lontano da occhi e orecchie indiscrete: all’assemblea dei soci verrà lasciato solo il compito di ratificarla.

Per chi ha tempo e voglia di vederlo, pubblichiamo di seguito il video dei lavori dell’assemblea:

VAI ALL’INCHIESTA COMPLETA:

CAM, IL BUCO CON L’ACQUA INTORNO

Print Friendly, PDF & Email