CAM, caccia allacci abusivi: tra essi ex direttore “Settore recupero utenze sommerse”

Anche la storia di 3 contatori può dare la misura dello sfascio del Consorzio acquedottistico e di come si è arrivati a 100 milioni di debito.

Ed è una storia paradossale quella che ci segnalano alcuni incaricati del Cam per la caccia alle utenze sommerse e agli allacci abusivi alla rete del consorzio acquedottistico.

. La scena si svolge nella frazione di Antrosano: tre allacci abusivi alla rete Cam, tre villette a schiera occupate da due sorelle e dalla loro madre (B. O.).

Poi il racconto diventa inquietante: una delle sorelle (P.F.) sarebbe risultata essere un’ex dipendente ATO poi trasferita al Cam, mentre l’altra sorella (S.F.), sarebbe stata ex dirigente di gestione del Cam, responsabile nel periodo 2007/2011 proprio delle Procedure economiche e di recupero delle utenze sommerse.

Gli allacci sarebbero stati realizzati con pozzetti e contatori mai scaricati dal magazzino e mai pagati al Consorzio, mentre non risulterebbe saldata nessuna bolletta dal 2008 ad oggi: praticamente da 11 anni.

Non si sa se l’attuale governance è informata dell’episodio e come intende risolvere un caso che definire imbarazzante è solo un eufemismo,

Qualora fossero accertate la veridicità dei fatti e le responsabilità dei protagonisti, non si tratterebbe solo di notevole danno di immagine per l’Ente, ma anche di un sensibile danno economico: anche accettando una tardiva regolarizzazione, il Cam perderebbe comunque 5 anni di entrate.

VEDI ANCHE:

CAM – Buco da 120 milioni: Chi resta con il cerino in mano? Ecco i nomi dei presunti responsabili

Nuova Giunta ad Avezzano, contrordine al Cam: «Salvate il soldato Ryan»

CAM, ultima spiaggia – «Postergazione volontaria dei crediti dei Comuni soci»:…

AVEZZANO – Convocata Commissione di Vigilanza sul “Caso Mazzocchi”

CAM, IL BUCO CON L’ACQUA INTORNO – Acque stagnanti

Print Friendly, PDF & Email