Avezzano – Rsa don Orione: prima il commissariamento, poi i carabinieri. E’ emergenza

I Carabinieri del Nas di Pescara al lavoro per accertamenti sui contagi nella Rsa dell’istituto religioso Don Orione di Avezzano.

Nella casa di riposo nei giorni scorsi si sono registrati – tra gli ospiti e il personale operante nella struttura – oltre 100 casi di positivi al Covid 19. Se i numeri dei contagi sono questi, è emergenza: più che di un focolaio, si tratterebbe di un vero e proprio incendio.

Il nucleo dei carabinieri per la tutela della salute – secondo quanto pubblica l’agenzia ANSA – hanno già effettuato i primi accertamenti preliminari: non si esclude un interessamento della locale Procura su quanto successo nella residenza per anziani avezzanese.

A confermare che la situazione dentro la casa di riposo è – finalmente – ritenuta seria anche dalle autorità preposte, è la velocità con cui si accavallano gli avvenimenti. Ma il tentativo di chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati, somiglia più che altro a una corsa allo scarica barile.

Ricordiamo che nella giornata di ieri, solo dopo che si è accertata la portata del contagio, l’assessore regionale alla sanità Verì ha annunciato di aver chiesto alla Asl 1 di verificare quanto stesse accadendo nella struttura per anziani di Avezzano. La stessa Agenzia sanitaria aveva poi chiesto al sindaco della cittadina marsicana di commissariare la struttura. Di Pangrazio, sempre nella giornata di ieri, ha emesso l’ordinanza di commissariamento della Rsa. Oggi il primo intervento dei carabinieri di Pescara.

Print Friendly, PDF & Email