AVEZZANO – Requiem di De Angelis e Casciere per il forno di Borgo Via Nuova

di Angelo Venti e Claudio Abruzzo

Il vecchio forno pubblico di Borgo Via Nuova non sarà più ricostruito: a ufficializzarlo è la delibera di Giunta n. 320/2018, pubblicata da alcuni giorni nell’Albo pretorio, con cui si revoca la precedente delibera 159/17 con cui la Giunta Di Pangrazio stanziava 60mila euro per la sua ricostruzione.

Si conclude così uno spettacolo tragicomico che dà la misura di com’è ridotta la vita amministrativa della città e che nel nostro articolo “AVEZZANO – Il «Partito della pagnotta» e il fallimento della «Politica dei due forni» avevamo già ricostruito nei suoi passaggi salienti. Ora il triste – e scontato – epilogo.

Questa nuova delibera di fine anno, che suona come una campana a morto per il comitato di cittadini nato in difesa del forno, denuncia però anche tutta l’arroganza e l’ipocrisia politica di alcuni dei firmatari – in particolare il Sindaco De Angelis e l’assessore anziano Leonardo Casciere – che nell’ultima campagna elettorale, pur di accaparrarsi voti, ai residenti della borgata avevano promesso tutt’altro.

Quello che colpisce nel provvedimento, dicevamo, è l’arroganza ostentata. Il Sindaco – si legge nell’allegato alla delibera – Richiamata la propria deliberazione n° 159 del 8.05.2017 con la quale è stata prevista una spesa complessiva di €. 60mila per la ricostruzione del forno di Borgo Via Nuova […] Vista la ’Relazione Forno Borgo Via Nuova’ […] Ascoltate le istanze dei cittadini della Borgata a favore o contro la costruzione del manufatto; […] Ritenuto, per quanto sopra, che non sussistono più i presupposti per la ricostruzione del forno; Dato atto che da una valutazione politico amministrativa si ritiene indirizzare le risorse in altri lavori necessari ed urgenti per la Borgata; […] Dato atto che la Giunta ha esclusiva competenza autorizzatoria e che appartiene alla libera e discrezionale scelta della stessa la facoltà di autorizzare o revocare una spesa; Propone di deliberare: 1) Di revocare la delibera di Giunta Comunale n° 159 del8.05.2017”.

Questo provvedimento di revoca è stato votato all’unanimità dall’attuale Giunta: ad esprimere il loro voto favorevole il Sindaco Gabriele De Angelis e gli assessori Leonardo Casciere, Renata Silvagni, Crescenzo Presutti, Pierluigi Di Stefano, Fabiana Marianella, Chiara Colucci, unico assente il vicesindaco di lungo corso Lino Cipolloni.

Di questa delibera colpisce, oltre all’arroganza, anche l’ipocrisia politica palesata, senza imbarazzo alcuno, dal sindaco De Angelis e dall’assessore Casciere.

Quando nel marzo 2015 gli abitanti di Borgo Via Nuova protocollano in Comune una petizione al Sindaco Di Pangrazio in cui si dichiarano contro l’abbattimento del forno, li riceve l’allora assessore ai Lavori pubblici, Gabriele De Angelis, che s’impegna a ristrutturarlo.

La polemica sul forno è troppo ghiotta per l’allora opposizione. A coglierla al volo, alcuni giorni dopo, è la dott.ssa Felicia Mazzocchi. E’ proprio lei a pubblicare su ilcapoluogo.it, in difesa del forno, l’infuocato articolo “Il teatrino del Sindaco Di Pangrazio in Borgo Via Nuova”.

Il 22 ottobre 2016 il Comitato per la ricostruzione del forno manifesta davanti alla sede del Comune ed è Pierluigi Palladini – in questo suo articolo su ilcapoluogo.it – a ricordare nei dettagli la storia del forno e riportare la cronaca puntuale della manifestazione di protesta.

Si arriva così nel 2017, quando con la campagna elettorale tutta la vicenda assume definitivamente i contorni della sceneggiata napoletana, con i candidati che pur di accaparrarsi i voti dei residenti si lanciano in promesse per la ricostruzione del forno demolito. E sul forno ci si buttano quasi tutti i candidati sindaci e molti dei consiglieri.

Le promesse elettorali di De Angelis

in una intervista a Magda Tirabassi su terremarsicane.it in cui si cita la vicenda del forno, così risponde De Angelis: “I cittadini vanno ascoltati e rispettati. L’idea è quella di elaborare un bilancio partecipato per le frazioni …Poi decidere insieme ai residenti cosa voler fare nella zona o meglio quale siano le priorità da scegliere per gli interventi”. E nel suo programma elettorale precisa nero su bianco: “Il forno di Borgo Via Nuova, maldestramente demolito, sarà immediatamente riedificato per farne una struttura al servizio del quartiere ed una scuola di pane e dolci per fornai amatoriali”.

Le promesse elettorali di Casciere

Era il 3 giugno 2017 quando ilfaro24.it pubblica questo articolo, che vale la pena dirileggere per intero: Leonardo Casciere incontra i cittadini di Borgo Via Nuova: “Vi ricostruirò il forno, cascasse il mondo vi assicurò che lo farò!”.

Un impegno morale, quello solennemente preso dal candidato sindaco Leonardo Casciere davanti agli elettori di Borgo Via Nuova e divulgato a mezzo stampa. Un impegno morale che – apponendo la sua firma in calce alla delibera n. 320/2018 – è stato ufficialmente disatteso dall’assessore anziano Casciere Leonardo.

Print Friendly, PDF & Email