Avezzano – L’Antimafia tradita”: incontro con La Torre e Stramaccioni. Video integrale

Conferenza di presentazione del libro “L’Antimafia tradita, riti e maschere di una rivoluzione mancata”, con l’autore Franco La Torre e Gabriella Stramaccioni, vice presidente e coordinatrice nazionale di Libera dal 1998 fino a gennaio 2013.

GUARDA IL VIDEO INTEGRALE:

“Oggi l’antimafia sembra essere diventata uno stanco rito dove sempre le stesse persone ricordano i caduti di una terribile guerra”. Partendo da questa constatazione Franco La Torre, con il suo libro prova a rispondere a questa domanda: Perché è successo questo?

L’incontro, organizzato dall’associazione ARCI-Territori in movimento in collaborazione conRindertimi ed ElettroLudica, si è tenuto ad Avezzano il 20 dicembre 2021, presso la sala convegni del Museo ElettroLudica.

Franco La Torre

Franco La Torre – Figlio di Pio La Torre, è nato a Palermo e vive a Roma. Appassionato di storia ed esperto di cooperazione internazionale, ha lavorato a lungo in Medio Oriente, Mediterraneo e Africa.

Da venticinque anni si occupa di progetti europei per lo sviluppo urbano sostenibile. È stato membro dell’Ufficio di Presidenza e della Segreteria nazionale di Libera e responsabile di Libera Europa.

Ha pubblicato Grazie a Dio è venerdì, 20 anni di sguardi su Gerusalemme e dintorni (Iacobelli editore, 2011), Sulle ginocchia. Pio La Torre, una storia (Melampo Editore, 2015) e con suo fratello Filippo Ecco chi sei. Pio La Torre, nostro padre (Edizioni San Paolo, 2017).

Gabriella Stramaccioni

Gabriella Stramaccioni – Nata a Roma il 5 luglio 1961, la città dove vive. Nel periodo 1986-2002 lavora presso la direzione nazionale dell’Uisp (Unione italiana sport per tutti), occupandosi di sociale: sport nelle carceri e negli istituti minorili di pena, sport contro il razzismo, cooperazione internazionale. E’ in questi anni, nei quali veste anche la maglia azzurra nella specialità della maratona, che organizza importanti eventi internazionali di sport: a Sarajevo dopo i bombardamenti, a Bagdad contro l’embargo, nelle bidonville di Nairobi al fianco di Alex Zanotelli. Nel 2003-2004 è coordinatrice di un centro per rifugiati politici a Roma. Nel 1994, come rappresentante della Uisp,  partecipa alle riunioni che porteranno nel ’95 alla costituzione di Libera, di cui diventa vice presidente e coordinatrice nazionale dal 1998 fino a gennaio 2013. Nel 2010 ottiene il riconoscimento internazionale di pacemaker (costruttore di pace). Dal giugno 2017 è il Garante dei diritti delle persone private della libertà personale di Roma Capitale.

Print Friendly, PDF & Email