Avezzano, Eventi Estate 2021 – Una presentazione senza programmazione

"Sarà un evento che avrà l’obbligo di rispondere alle esigenze sia della casalinga che vive nelle periferie, sia del professionista che ha bisogno di cultura di un certo livello", il commento a caldo dell'assessore alla cultura Pierluigi Di Stefano. Eppure, a distanza di un mese dall'insediamento della commissione cultura, ancora non si conoscono le date e i contenuti degli eventi estivi.

Immagine di Claudio Abruzzo

Il pressante lavoro dell’Amministrazione comunale della Città, e della Commissione cultura, per la realizzazione della programmazione degli spettacoli estivi, ha fatto sì che venisse organizzata una conferenza stampa, nella Sala Consiliare, a dir poco strana e al risparmio.

Un grezzo foglio A3 piegato a metà funge da cartellina (ndr dotazione ai giornalisti esplicativa dell’incontro) con all’interno un semplice, unico, solitario foglio, questo sì tutto colorato, per la presentazione di “AVEZZANO ESTATE 2021”.

Presentazione è una parola un po’ grossa: appaiono stampati cinque rettangoli, di diverse tinte, distinti in Arte-Teatro-Cinema-Festival Itineranti-Musica. Da qui l’origine deduttiva e logica dello slogan della rassegna: “Vivi a colori la tua Città”. In ognuno dei rettangoli sono inseriti tre eventi senza specificare che cosa è, con chi è, e quando è. Sempre, in questi casi, la domanda sorge spontanea: perché fare una conferenza stampa così…vuota?

Certo, a chi è dedito esclusivamente all’organizzazione della cultura sfugge che quando si indice un incontro con la stampa, soprattutto se si vuole presentare una complessa attività, necessita men che mai di allegare in cartellina un calendario del programma.

Sì! un calendario, di quelli semplici ma efficaci, non certo alla stregua di Frate Indovino; per capirci, come dice Wikipedia, il termine è usato per denotare una lista di eventi stabiliti o pianificati in maniera dettagliata; appunto, un calendario, uno di quelli dove poter indicare data, ora, luogo, etc. Quest’ultimo non deve essere necessariamente fatto stampare in tipografia, su carta lucida a colori sgargianti, con un costo che andrebbe addebitato ai contribuenti, basta anche in A4, magari utilizzando metà della pseudo cartellina data ai giornalisti; noi del settore ci accontentiamo, apprezziamo la buona volontà. Invece nulla di tutto ciò. Solo parole.

L’incontro programmato per le 11,00 prende il via alle 11,30 circa. Porge il saluto ufficiale il facente funzione di sindaco Domenico Di Berardino, hanno poi preso la parola il Presidente del Consiglio Fabrizio Ridolfi, l’assessore alla cultura Pierluigi Di Stefano, il Consigliere Nello Simonelli -neopresidente Commissione cultura. Qualcosa di nuovo è stato presentato. Oggi la manifestazione si chiama “Avezzano Estate 2021” e sostituisce il nome di quella che da decine e decine d’anni è stata un appuntamento atteso dal pubblico avezzanese: “Eventi Estate”. Ma poi, perché cambiarlo?

Non è vero che l’evento estivo parte tardi” dice l’assessore Di Stefano, “parte dal 6 giugno con il festival CinemAmbiente“. Giugno? Ma è primavera fino al 21. Poco importa, quello che lascia basiti è che in questa presentazione, come in un calderone, c’è un po’ di tutto, e il di più è estremamente già noto. Eventi organizzati da sempre, individualmente, sono ormai acquisiti come cartellone estivo. CinemAmbiente, appunto, il Circuito di Avezzano, organizzato dall’Abruzzo Drivers Club, la Settimana Marsicana evento consolidato della Pro Loco di Avezzano che quest’anno ha in cartellone il concerto di Ron in accordo con l’AVIS. Non ultima la Cracking Art, esposizione inaugurata già dall’8 luglio all’AIA dei Musei. Da ricordare che la mostra è promossa dalla Fondazione Terzo Pilastro e realizzata dalla Fondazione Cultura e Arte. Poi ancora, gira che ti gira, ecco venir fuori dal calderone il Festiv’Alba, già iniziato nel lontano 29 giugno, organizzato da Harmonia Novissima, e anche Alba OFF presentato dal Teatro Off, questo sì che partirà d’estate: il 10 agosto.

Tante parole, ma quelle che sono rimaste davvero difficili da accettare sono quelle espresse dall’assessore alla cultura Pierluigi Di Stefano, con delega completa, come ha voluto precisare:

Sarà un evento caratterizzato dalla sicurezza e soprattutto dalla voglia di rispondere e di assolvere a tutte le esigenze culturali della nostra importante città,(…) evento che ha l’obbligo di rispondere alle esigenze sia della casalinga che vive nelle periferie, sia del professionista che ha bisogno di cultura di un certo livello” [il grassetto è nostro n.d.r.].

Molti, troppi i punti che allarmano in una tale affermazione.

A memoria mai è successo di non poter dare una completa informazione, soprattutto in merito alle manifestazioni organizzate dall’Amministrazione Comunale. Alcune date ed eventi dette al volo. Però, con in potenti mezzi messi a disposizione dalla tecnologia, si può sopperire ai dubbi seguendo la diretta sulla pagina FB del Comune, in attesa che prima o poi venga stampato il tanto sospirato calendario.

Una piccola nota. Nella profusa, instancabile attività della Commissione Cultura, nessuno ha avuto un attimo di attenzione per evitare di esporre, in primo piano, il cartello promozionale di “AVEZZANO ESTATE 2021” onde evitare di “vergognarsi d’esser di cotal errore macchiati.” ? (Matteo Bandello)

Print Friendly, PDF & Email