7 giorni di sciopero del commercio. Filcams CGIL: “vogliamo sicurezza per i lavoratori”. Ecco le date

COMUNICATO STAMPA

La FILCAMS CGIL Abruzzo Molise prosegue nella sua azione di protesta contro le aperture selvagge e contro l’insensibilità delle istituzioni per la sicurezza dei lavoratori del commercio in questo periodo di emergenza sanitaria.

SCIOPERO DEL COMMERCIO NEI GIORNI 5, 12, 13, 19, 25, 26 aprile e 1° MAGGIO

Dopo lo sciopero del 29 marzo 2020, dopo aver inviato una lettera ai sindaci ed ai presidenti delle regioni Abruzzo e Molise per chiedere di chiudere i negozi nelle giornate di domeniche e festivi, la battaglia va avanti. Nulla è stato fatto per tutelare le condizioni di salute dei lavoratori del commercio: in tanti, troppi, negozi il rispetto dei protocolli di sicurezza è ancora un miraggio.

Più passano i giorni, più l’epidemia si diffonde, più aumenta il rischio di contagio all’interno dei negozi.

Siamo quasi sulla soglia dei 2000 contagiati tra Abruzzo e Molise, le strutture sanitarie sono in grossa sofferenza, tante imprese sono chiuse perché ritenute non sicure, ma i negozi continuano ad essere aperti senza alcuna limitazione e i clienti continuano a fare la solita uscita giornaliera per andare al supermercato rischiando di contagiarsi e di contagiare i lavoratori e gli altri clienti.

In questi giorni ci è stato detto che possiamo rinunciare a tutto, alla scuola, allo sport, perfino al lavoro, ma l’unica cosa a cui, a quanto pare, non è possibile rinunciare è il consumismo. Ci è stato detto che dobbiamo cambiare le nostre abitudini sociali. Bene, ma anche l’abitudine di fare la spesa tutti i giorni deve cambiare. L’approvvigionamento di beni di prima necessità può essere effettuato facendo scorte che durino per più giorni.

E mentre il capo della protezione civile, ha già detto che (giustamente) si dovrà rimanere a casa nelle festività fino al Primo Maggio, se governo, regioni o comuni non prenderanno decisioni in merito, ci troveremo davanti al paradosso di avere i negozi aperti anche a Pasqua, Pasquetta il 25 Aprile e il 1° Maggio. Si dovrà rinunciare a scampagnate e festeggiamenti, ma si potrà andare tranquillamente a fare la spesa.

Lasciare i negozi aperti nelle domeniche e nei giorni festivi è sbagliato perché dà una valida giustificazione per evadere di casa, raggiungere parenti e amici o per andare in altri posti. Sono tante le regioni che hanno già previsto la chiusura dei negozi nelle domeniche (Lazio, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Calabria, Sicilia Sardegna) e bene ha fatto il Comune di San Salvo che ha già previsto, con un ordinanza del Sindaco, la chiusura per i giorni 5, 12 e 13 aprile 2020.

Ci aspettiamo che il Governo, presidenti delle Regioni o gli altri sindaci di Abruzzo e Molise ci diano una risposta!!!

In attesa di queste risposte, la FILCAMS CGIL proclama lo sciopero di tutte le lavoratrici ed i lavoratori del commercio delle Regioni Abruzzo e Molise, per l’intero turno di lavoro, per i giorni 5,12,13,19,25 e 26 aprile 2020, 1° maggio 2020.

Pescara, 3 aprile 2020

il coordinatore regionale FILCAMS CGIL Abruzzo Molise Lucio Cipollini

***

VAI ALLA SEZIONE SPECIALE – EMERGENZA CORONAVIRUS

***

Print Friendly, PDF & Email