3. LA RIFORMA AGRARIA NEL FUCINO – i canali

Canale del Fucino

L’emissario di Claudio era lungo 5630 metri e, considerando i canali collaterali, l’opera raggiungeva i 7 km. A seguito del prosciugamento l’opera idraulica contava una fitta rete di canali per una lunghezza complessiva di 285 km e, in più, 238 ponti, 3 ponti canali e 4 chiuse. Il canale claudiano attraversava il piano dei campi Palentini a una profondità che variava dagli 85 m ai 120 m (alla sommità del monte Salviano si misuravano 400 m circa). L’apertura variava dai 4,11 m² ai 14,80 m², con alzata di 7,14 m. Il canale torloniano segue la direzione dell’antico, con sezione costante di 20 m², per un flusso ordinario all’uscita di 28 m³ che può salire fino a 67 m³.

Anche i canali furono oggetto di lavori di manutenzione durante lo “sciopero a rovescio”. In seguito all’istituzione dell’Ente di Riforma furono finanziate e realizzate, insieme alle opere viarie e alla costruzione d’infrastrutture, le opere atte a restituire la funzionalità a tutti i canali. La piana così prosciugata doveva essere resa lavorabile e abitabile, e per tal motivo occorreva costruire case, fattorie e strade. Una strada di 52 km circonda il bacino e 46 strade rettilinee, parallele e perpendicolari, per un totale di 272 km.

Oltre ai 24 milioni di lire spesi per il solo prosciugamento, ne vennero impiegati altri 19 per la realizzazione delle infrastrutture. L’impegno profuso, le risorse economiche e i 4.000 operai al giorno utilizzati per 24 anni, spinsero il nuovo re Vittorio Emanuele a conferire a Torlonia il titolo di “Principe del Fucino” con una medaglia d’oro. All’ingegner Alessandro Brisse l’onore di un monumento al cimitero del Verano di Roma voluto dai figli.

SULLO STESSO ARGOMENTO:

Print Friendly, PDF & Email
Antonino Petrucci
Laureatosi in architettura presso l’Università La Sapienza di Roma, ha esercitato la professione di architetto per circa trent’anni, oggi insegna alla Scuola Secondaria di Primo Grado presso l’Istituto Comprensivo GIOVANNI XXIII-VIVENZA di Avezzano. Appassionato di storia recente e di politica, è autore di uno studio sulla Riforma Agraria del Fucino, che si articola in 167 tra capitoli e sottocapitoli, pubblicata sui gruppi Facebook “Ortucchio in parole e immagini” e “Luco, ieri e oggi”.