Alle Amministrative in Sicilia si è notata una notevole riduzione dei simboli di partito, anche all’interno delle alleanze elettorali; noi siamo andati a ruota. Non è solo nostalgia la mia, quella per il partito che terminava per i (Ci, Cpi, Fdi, Fi, Msi, Pci, Pdium, Psdi, Psi, Psiup, Ri – un paio); esso, dava l’idea di una casa comune: l’Italia. La variante della lista civica tra l’altro, fa immaginare una maggior cura, attenzione al luogo in cui si vive; vi è la massima precisione nel reclamare l’asfalto sul marciapiede lungo via X, tra piazza Y e largo Z, anziché parlare genericamente di risanamento. Dobbiamo fidarci quando Leonardo Casciere afferma: «dentro le mie liste c’è gente “politicamente incensurata”», in «AvezzanoInforma» 15 novembre 2016. (La purezza non è uno strumento, né un valore per il sottoscritto). È poi spuntata l’invenzione: «lista civica di chiara ispirazione di centro destra» (© Claudio Tonelli), in M. Tirabassi, Salvezza tribunale, potenziamento università e far riaprire i negozi del centro. Verrecchia, Mazzocchi e Tonelli ai cittadini: “Aiutateci a far cambiare il vento in questa città”, in «TerreMarsicane» 18 febbraio 2017. Qui siamo alla neo-lingua mentre il prossimo è una sua applicazione: «la coalizione di De Angelis intorno alla quale si muoverebbero già 8 liste civiche espressione di vari gruppi politici e non», in Elezioni, Forza Italia sempre più vicina a De Angelis. Si allarga la coalizione di Avezzano Rinasce, in «MarsicaLive» 20 febbraio 2017.

Ricordo di aver sbroccato, nel leggere dello scioglimento di Ncd e la presentazione in una lista (Avezzano Popolare) – di concorrere perciò, a un’alleanza elettorale civica. (Il 18 marzo 2017 ha cambiato denominazione il partito nazionale). Li considero quattro gatti e soprattutto dei bigotti, ma non dimentico che essi provengono dalla storia ragguardevole di un partito (Democrazia cristiana) protagonista nella ricostruzione dopo il secondo conflitto mondiale e nell’industrializzazione dell’Italia. È stata eliminata una storia decennale, una cultura di governo – di là di Tangentopoli che ha ridotto quel partito in pezzi – ed è stata sostituita con poco o niente. (A livello nazionale Ncd governava insieme al Pd e negli ultimi anni non ha mai spiegato pubblicamente la «contraddizione» della situazione locale).

Aggiungo che il partito di Berlusconi, protagonista della politica e del costume nazionale per almeno tre lustri, è arrivato tardi a schierarsi come anche all’Aquila, non presentando il simbolo ma assumendo le sembianze di una lista civica – al servizio di un candidato civico. Il primo intervento sulla città di tale lista è stato dedicato niente meno che… ai cani (Forza Avezzano interviene sulla situazione del randagismo ad Avezzano, in «TerreMarsicane» 29 aprile 2017).

Concordo con questo pensiero di tipo politico: «La specificità di Avezzano, spiega Pagano, è dovuta anche all’assenza di “chiari schieramenti di centrodestra e centrosinistra” che caratterizzano il quadro come “una situazione non consueta”», in M. Signori, Elezioni Avezzano; Forza Italia senza lista in ordine sparso a sostegno di De Angelis, in «AbruzzoWeb» 11 marzo 2017. (Nazario Pagano è l’attuale coordinatore regionale di Forza Italia). (3/22)

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email