Sicurezza sismica / 5 – Le scuole e la periferia mentale dell’impero

La notizia è di quelle che sconfortano anche gli animi di chi, vaccinato, negli Abruzzi forti e gentili ha sempre creduto poco. Nel mentre il coscienzioso sindaco di Pacentro – pur potendo, sono sue parole (che gettano una terribile luce sulla vaghezza dei contorni normativi ed effettuali), fare finta di niente – decide di spostare temporaneamente le proprie scuole a Popoli, in attesa di provvedere a dei lavori all’edificio che le ospita in quel delizioso centro a pochi chilometri da Sulmona, a dolersi della decisione sono alcuni genitori dei ragazzi, che evidentemente hanno già smaltito l’effetto Amatrice (ammesso lo abbiano mai patito): LEGGI LA NOTIZIA

Per carità, non è che la decisione di spostare i ragazzi ogni giorno per trenta chilometri non comporti dei disagi ma che dei genitori possano parlare di «ipotetico» terremoto è il segno della totale e forse irrimediabile perdita di buonsenso che connota i nostri giorni: in questa categoria rientra, che so, una milionaria vincita al lotto, il fatto che Naomi Campbell venga a bussare alla nostra porta con tanto di bagagli, il Pescara in Coppa Campioni, ecc.

Un primo cittadino si premura di tutelare gli alunni e i genitori vorrebbero invece correre il rischio di una scommessa… Una sola cosa infatti è certa in tutta questa vicenda: la Scienza (quella con la maiuscola) ci dice che il terremoto nel Sulmonese farà, e solo non sappiamo quando… Inutile dire che a nessuno è permesso di “puntarci” sopra, su una tale circostanza, poiché potrebbe essere – fatti i debiti scongiuri – anche tra un’ora…

In una simile contingenza la decisione del sindaco e di chi l’ha condivisa non deve essere stata assunta alla leggera, mentre abbiamo il sospetto che in altri comuni sia invece avvenuto il contrario: ovvero che alla leggera siano state riaperte delle scuole che forse non avrebbero dovuto esserlo.

Desolante dover rammentare che l’incolumità pubblica non è nella libera disponibilità di nessuno, e che un surplus di prudenza è mille volte più auspicabile del minimo rischio assunto impropriamente…. Desolante dover rilevare, dalle stesse parole del sindaco – con il quale ci felicitiamo della scelta operata –, che la decisione del trasferimento sia «impopolare»… (una qualche ragione della decadenza dell’Abruzzo Ulteriore Secondo dovrà pur esserci…)

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email