Sanità: arrestato Del Turco e altre 10 persone. 35 indagati

 Tra i reati contestati associazione per delinquere, riciclaggio e  concussione, oltre a truffe aggravate, falsi e altro ancora. Con Del Turco, sono finiti in carcere Lamberto Quarta, Antonio Boschetti, Gianluca Zelli, Camillo Cesarone, Luigi Conga. Mentre Masciarelli, Vito Domenici, Bernardo Mazzocca, Angelo Bucciarelli sono agli arresti domiciliari e a Francesco Di Stanislao è stato applicato il divieto di dimora a Pescara.

L’inchiesta riguarda la cartolarizzazione di un miliardo di euro della sanità abruzzese, partita nel 2004 con la Giunta di centrodestra. La truffa ai danni della sanità abruzzese, comunque, sarebbe poi proseguita anche se con modalità diverse, con la Giunta di centrosinistra.

Gli arresti giungono a conclusione delle indagini delle fiamme gialle sulle cartolarizzazioni dei crediti vantati dalle case di cura private nei confronti delle Asl regionali. A tirare in ballo gli  arrestati sarebbe stato proprio Vincenzo Angelini, uno dei beneficiari dei rimborsi milionari, proprietario di diverse cliniche private in Abruzzo. Pare che proprio per la sua recente collaborazione con gli inquirenti, ad Angelini sia stato risparmiato l’arresto, seppur richiesto dal pool della Procura guidata da  Nicola Trifuoggi.

Il settimanale L’Espresso, nel 2007, ha pubblicato una inchiesta di Primo Di Nicola sul fiume di denaro che dal 2005, con una facilità sospetta, partiva dalle casse pubbliche e finiva nei conti delle cliniche private. Per approfondimenti clicca qui.
Sul quotidiano online www.primadanoi.it tutti gli aggiornamenti.

A giudicare dalle prudenti dichiarazioni di esponenti del centrodestra, forse ci saranno sviluppi ancora più clamorosi. Per le reazioni dei politici agli arresti clicca qui.

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email