LUCO ALL’ASTA (1): svendite di fine mandato, cittadini ricorrono al TAR

1925

La Giunta comunale ha deliberato la svendita ai privati dell’ex ammasso, l’unica area pubblica all’interno del paese: l’asta fissata per l’8 maggio.
Sparisce così dal Piano regolatore oltre un ettaro destinato a verde pubblico, servizi generali e parcheggi e si consente, in un’area centrale, una speculazione privata con una colata di cemento fino a 22mila metri cubi.
E’ Allarme – A rischio la realizzazione di opere pubbliche per i prossimi decenni. Appello a tutti i candidati sindaci e consiglieri: “Dichiaratevi da subito contrari alla vendita dell’ex ammasso e favorevoli alla sua destinazione pubblica”. Tre cittadini diffidano la Giunta e ricorrono al TAR Abruzzo: “Vendita dannosa per la collettività. La procedura è illegittima”.

capannoni ex ammassoLUCO, Area ex ammasso, cittadini ricorrono al Tar:

Vendita dannosa per la collettività. La procedura è illegittima

LUCO DEI MARSI – Quella della vendita dell’area comunale dell’ex ammasso è una brutta storia che non avremmo mai voluto dover scrivere.

Clicca sull'iimmagine per ingrandire
Clicca sull’immagine per ingrandire

Che era stata indetta l’asta lo abbiamo appreso per caso, consultando l’Albo pretorio online del Comune. Visti i pericoli e verificate tutte le illegittimità,  in via bonaria e senza clamore il 6 marzo ci siamo decisi a depositare al protocollo una “Diffida al ritiro in autotutela di atti illegittimi e dannosi per la comunità” indirizzata al Sindaco [a fondo pagina il testo integrale].

La risposta del Comune arriva, tramite raccomandata, solo il 13 aprile. Sindaco e Capo ufficio tecnico ci scrivono che “Il bando proposto ricalca quello già precedentemente approvato con determina UTC n. 174 del 27.10.2011” ma non danno alcuna risposta a quanto richiesto nella diffida, tranne ammettere che si tratta di “vendita e non acquisto”.

In ogni caso il 10 aprile – termine ultimo di scadenza e in assenza di risposte – eravamo stati costretti a presentare il ricorso al Tar Abruzzo e a chiedere “l’annullamento dei provvedimenti impugnati” e – visto che l’asta è fissata per l’8 maggio – si richiede anche un “provvedimento cautelare di sospensione dell’efficacia degli stessi”.
Il ricorso al Tar – tra l’altro molto oneroso e che volentieri ci saremmo risparmiati – è l’unico strumento che la Giunta comunale ci ha lasciato per impedire una vendita che è oggettivamente dannosa per tutta la collettività luchese. Ma questi amministratori sono avvezzi a vendere con facilità i beni comunali, come già successo con la Fucino gas.

Clicca sull'immagine per ingrandire
Clicca sull’immagine per ingrandire

A questo punto – viste tutte le illegittimità procedurali e il ricorso pendente – ci auguriamo che l’asta dell’8 maggio vada deserta e che comunque, alla fine, il Tar annulli tutti i provvedimenti adottati dalla Giunta, in quanto abnormi e illegittimi.
Nell’attesa, rivolgiamo un appello a tutti i candidati alle prossime elezioni affinché si dichiarino – da subito e pubblicamente – contro la vendita ai privati di quest’area comunale fondamentale per lo sviluppo futuro di Luco.

I ricorrenti


IL TESTO DELLA DIFFIDA AL SINDACO (8 marzo 2017)

Al Sindaco
del Comune di Luco dei Marsi

Oggetto: Diffida al ritiro in autotutela di atti illegittimi e dannosi per la comunità

I sottoscritti cittadini luchesi chiedono all’Amministrazione comunale di Luco dei Marsi l’immediato ritiro in autotutela degli atti riguardanti il programma integrato di intervento (art. 30-bis L.R. n. 18/83) sull’area ‘Ex Consorzio Agrario’, in quanto illegittimi. Basti considerare i seguenti profili (che sono solo alcuni tra i molteplici che a nostro modesto avviso è possibile riscontrare e censurare):

a) tutti gli atti fanno confusione tra i concetti di Recupero e riconversione del patrimonio edilizio esistente e il concetto di Abbattimento dello stesso;
b) gli atti nulla chiariscono in ordine all’impatto della procedura di variazione urbanistica di detta area sugli standard previsti dal vigente PRG;
c) l’Amministrazione non può vincolare il Consiglio comunale ad adottare una ipotetica Variante urbanistica. E come si può bandire una gara presupponendo che tale  Variante sarà certamente approvata dalla Regione?
d) vi è palese difformità tra lo Schema di bando approvato con la Determinazione 30 del 14 febbraio 2017 e il Bando pubblicato il 28 febbraio 2017, prot. 1845 (che doveva invece ricalcare fedelmente lo Schema di bando);
e) la Deliberazione di Giunta Comunale n. 6/2017 prevede un’illegittima commistione tra i Criteri di selezione delle offerte e i Requisiti di partecipazione, ciò in contrasto con quanto reiteratamente ribadito dall’AVCP e dall’ANAC;
f) lo Schema di bando approvato con Determinazione 30 del 14 febbraio 2017 omette di indicare i Criteri di selezione dell’offerta e pare omettere di indicare l’importo a Base d’asta;
g) sempre la Determinazione 30 del 14 febbraio 2017 prevede “Offerte esclusivamente a rialzo” e richiama l’art. 59 del D.lgs. n. 50/2016: ma tale norma vieta invece le offerte al rialzo.

Tutto ciò premesso, i sottonotati cittadini di Luco dei Marsi, preoccupati del destino dell’unica area strategica pubblica ricadente all’interno del centro abitato di Luco dei Marsi

CHIEDONO DI ANNULLARE:

1 – la Deliberazione di Giunta comunale n. 6 dell’11 gennaio 2017, avente ad oggetto “Programma integrato di intervento (art. 30-bis L.R. n. 18/83) – Atto di indirizzo.”;

2 – la Determinazione n. 30 del 14 febbraio 2017, avente ad oggetto “Individuazione del soggetto proponente del programma integrato di intervento (art. 30-bis L.R. n. 18/83) del Comune di Luco dei Marsi sull’area ‘ex Consorzio Agrario’. Determinazione a contrattare ex articolo 192 D.Lgs.vo n. 267 del 2000 – art. 32 D.Lgs.vo 18 aprile 2016, n. 50 – Approvazione schema lettera di bando; Indizione di gara mediante procedura aperta”;

3 – il Bando di gara per procedura aperta prot. 1845 del 28.02.2017.

Distinti saluti

F.to: Angelo Venti, Antonio Amadoro,
Giovanni Paris, Venanzio Venditti

 


LUCO ALL’ASTA – LEGGI ANCHE:

site.it/briganti 2017 – 9 [ scarica il pdf completo ]

– LUCO ALL’ASTA (1): svendite di fine mandato, cittadini ricorrono al TAR

– LUCO ALL’ASTA (2) – Stravolti gli standard urbanistici del Piano regolatore

– LUCO ALL’ASTA (3) – Svendita ex ammasso: i danni per proprietari, artigiani e professionisti

– LUCO ALL’ASTA (4) – A rischio le future opere pubbliche. E le scuole sicure?

 

Print Friendly
CONDIVIDI