Non perdo occasione per rimproverare i compaesani – all’opposizione in consiglio comunale ed extra-comunale in particolare – per il silenzio sull’operazione «immobiliare» che ha coinvolto il complesso della scuola Collodi in via G. Garibaldi. Andando come previsto dall’Amministrazione comunale, perderemmo anche un’area pubblica, dove impiantare i servizi di cui quella zona ha bisogno. Avevo invece definito caccia grossa al comunista (Umberto Aimola) l’aspra polemica avviata negli stessi giorni da un pezzo del centrodestra (Lorenzo De Cesare, ma soprattutto Felicia Mazzocchi) sul nuovo utilizzo dell’Hotel dei Marsi, la scorsa estate. Fu avviata anche un’indagine tecnico-conoscitiva dalla Procura sulla vicenda, potendo interessare.

Come stanno le cose, adesso?

L’edificio della Collodi sembra sulla stessa strada fatta imboccare alla Casa di riposo San Giuseppe (via L. Vidimari) negli anni Settanta del secolo scorso – non è poi così male perché si tratta d’immobili che restano pubblici. (Andrebbe meglio recintata, per com’è malridotta). Ignoro invece – non m’interessa più di tanto, né devo immischiarmi –, come procedano le cose nella nuova residenza per anziani situata nel Nucleo industriale d’Avezzano. MarsicaLive pubblicava ieri questo titolo: La residenza dei Marsi dedica la sala convegni al Beato Alvaro del Portillo dell’Opus Dei. (Álvaro del Portillo y Diez de Sollano è succeduto a Josemaría Escrivá de Balaguer – scusate se è poco).

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email