Forse slittano le elezioni regionali abruzzesi

Rinnovo del Consiglio regionale d’Abruzzo. Le elezioni, fissate per i prossimi 30 novembre e primo dicembre, rischiano uno slittamento di due settimane: il Tar, Tribunale amministrativo regionale, avrebbe accolto il ricorso della lista “Per il bene comune”, esclusa in un primo momento dall’Ufficio elettorale della Corte d’Appello dell’Aquila.La lista (candidato governatore Angelo Di Prospero), aveva presentato ricorso prima allo stesso ufficio elettorale (che invece aveva escluso con riserva e poi riammesso la lista del Pdl), poi al Tar, per chiedere la sospensiva del procedimento delle elezioni regionali “al fine di difendere il diritto costituzionale alla partecipazione democratica a queste elezioni”.

Il ricorso e’ stato accolto, per il momento, con decreto, cioè una misura cautelare urgente da parte del presidente del Tar e si può dire che la lista è in corsa – spiega l’avvocato della lista Giulio Cerceo – La lista è attualmente in corsa perchè il provvedimento è anticipatorio rispetto alle decisioni che verranno assunte nella prima camera di consiglio del 26 novembre prossimo. Ora il problema è capire le conseguenze di questa riammissione“.

Claudio Zimarino, a nome della lista che aveva presentato ricorso, esprime soddisfazione per la riammissione e anticipa: “Abbiamo perso 17 giorni di campagna elettorale. Adesso richiederemo lo slittamento delle elezioni per consentirci di recuperare il tempo perso“.

Anche nella provincia autonoma di trento, un mese fa, vi fu un rinvio delle elezioni, inizialmente fissate al 26 ottobre e poi slittate al 9 novembre. Il Tar abruzzese il 26 novembre dovrà decidere  se confermare o meno la sospensione e nella seduta del 10 dicembre la Corte d’appello entrerà nel merito della decisione. Quanto alla nuova data per le elezioni spetta alla Regione Abruzzo pronunciarsi.

Intanto giungono le prime reazioni alla notizia. Buontempo (candidato di La destra), sostiene che a questo punto è “meglio rinviare le elezioni per fare chiarezza – e aggiunge – questo è solo il primo dei colpi di scena“. Pendono infatti ancora 3 ricorsi: quello della lista di Buontempo (contro lla lista del Pdl) e quelli di due distinti gruppi di cittadini.
Buontempo fa notare che “Ora è in rischio data delle elezioni e certezza di chi è in corsa. La riammissione probabile de Il bene Comune è importante perché non riporta in corsa solo un candidato presidente, ma anche le liste provinciali collegate“.

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email