ESCLUSIVO – Magliano dei Marsi: cosa è stato smaltito nella discarica “Topanico”?

- Pubblicità -

di Claudio Abruzzo e Angelo Venti

Certo è che dai documenti risulta che tra il gennaio e il marzo di quest’anno nella discarica di Magliano dovrebbero essere state smaltite mille tonnellate di rifiuti della ditta Ferdeghini Agostino srl, provenienti dall’impianto di Cerri di Follo, La Spezia. A regolare tale smaltimento una Convenzione sottoscritta tra la ditta e il Comune il 29 dicembre 2017: lo stesso mese in cui l’impresa Ferdeghini finisce al centro dell’operazione Dangerous trash della Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze.

I Pm fiorentini, che indagano su un giro di finti trattamenti di rifiuti, proprio a dicembre eseguono il sequestro degli impianti della Lozzi metalli srl e della Rari srl e 6 arresti, con le accuse di traffico di rifiuti, associazione a delinquere e truffa aggravata. Tra i 30 indagati anche Agostino Ferdeghini, amministratore della società, accusato di “attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti”.

L’indagine parte nel 2016 quando i forestali, durante un controllo a un impianto di trattamento, accertano che la spazzatura entrava “sporca” ed usciva “pulita” grazie al semplice cambio del codice CER dei rifiuti sulle bolle di accompagnamento. Tra i sospettati di praticare il cosiddetto “giro bolla” anche la Ferdeghini Agostino srl: gli investigatori filmano un suo camion che entra nell’impianto e, in meno di un minuto, esce senza scaricare. [ VIDEO ]

L’antimafia di Firenze per Agostino Ferdeghini, all’epoca amministratore della omonima società, dispone l’interdittiva antimafia per un anno (ridotta a 5 mesi dopo il ricorso al Tar) e l’imprenditore, temendo anche la chiusura del suo impianto, il 15 dicembre del 2017 si dimette dalla carica di amministratore unico, sostituito da Patrizia Caparrini.

Ma torniamo alla Convenzione con il Comune di Magliano dei Marsi. A sottoscriverla il 29 dicembre 2017 è l’arch. Rossella Di Salvatore (per conto del Comune, proprietario della discarica) Roberto Ridolfi (amministratore unico della Tecnologie ambiente srl, gestore della discarica), Paolo Vannuccini (procuratore della Loto trade srl, società di intermediazione), Agostino Ferdeghini e Patrizia Caparrini (rispettivamente proprietario e amministratore unico della Ferdeghini Agostino srl).

Nella Convenzione si regolano le modalità di smaltimento di 1000 tonnellate di rifiuti: si tratterebbe di rifiuti solidi urbani non pericolosi prodotti dall’impianto di Cerri di Follo (in una percentuale del 60%), con un codice Cer identificativo 19.12.12. In essa si precisa anche che il conferente è tenuto al pagamento di un corrispettivo pari a 90 euro per tonnellata smaltita ripartiti in maniera equa tra titolare (comune di Magliano) e gestore della discarica (Tecnologie Ambiente srl). Una nota di colore: allegata alla convenzione, vi è una autodichiarazione autografa della Caparrini che, nominata amministratore della società solo pochi giorni prima, scrive di suo pugno la “Dichiarazione antimafia, carichi pendenti e casellario giudiziale”,

Singolare, nella Convenzione, il capitolo dei controlli sui rifiuti conferiti. Si stabilisce che ad effettuarli in via esclusiva è il solo gestore della discarica: semplice verifica della “documentazione relativa ai rifiuti conferiti ed ai mezzi utilizzati, compreso il formulario di identificazione” (pag 7) e poi ”ispezione visiva, prima e dopo lo scarico, volta a verificare la conformità del rifiuto alle caratteristiche indicate nel formulario di identificazione ed ai criteri di ammissibilità” (pag 7). Infine, si legge nella convenzione, che è “obbligo del gestore, senza alcun preavviso, prelevare direttamente o mediante suoi incaricati, quando ritenuto opportuno, campioni di rifiuti da sottoporre ad analisi chimiche e merceologiche” e, solo successivamente, “il gestore comunica al titolare e al conferente l’esito del campionamento effettuato” (pag 8).

Il Comune, proprietario della discarica, di fatto delega al gestore privato ogni controllo sui rifiuti conferiti. La cosa desta stupore, visto che negli stessi giorni in cui veniva definita questa Convenzione (sottoscritta il 29 dicembre 2017) la notizia del coinvolgimento della ditta Ferdeghini Agostino srl nell’inchiesta della DDA di Firenze e del modus operandi nel presunto traffico illecito di rifiuti, era riportata sulle cronache di giornali e tv, anche nazionali.

Restano infine le voci non controllate di misteriosi via vai di camion e di presunti scarichi notturni di rifiuti nella discarica. A tal proposito, nel Regolamento accesso discarica, sono fissati gli orari di apertura per il conferimento: “dalle 7,30 alle 18 dal lunedì al venerdì. Per esigenze particolari l’apertura potrà riguardare anche la mattina del Sabato. E’ facoltà dell’Amministrazione comunale – si legge nel documento – concordare con il gestore diverse e particolari modalità di apertura con carattere occasionale”.



LEGGI ANCHE:



 

 cesca web(3) – Impianto compostaggio Cesca: una puzza che viene da lontano

Tra ricorsi e controricorsi la puzza ancora si sente, così come le proteste degli abitanti di Magliano dei Marsi e Massa d’Albe. Ma oltre alla puzza ci sarebbero problemi seri anche sulla qualità del compost prodotto e persino sulla natura stessa dei rifiuti che finiscono nell’impianto. Ecco tutta la storia e le criticità dell’impianto di compostaggio… [ CONTINUA A LEGGERE ]


cava web(2) – MASSA D’ALBE: la “Banda del buco” …e la puzza sotto al naso

Quella di Massa d’Albe è la storia di un territorio devastato dalle cave. Buchi che fanno la fortuna di pochi ma che – per la collettività – rappresentano  un disastro paesaggistico e ambientale, con molte delle cave dismesse che spesso sono diventate discariche abusive in cui è… [ CONTINUA A LEGGERE ]


velino web1 (1) – Assalto alla Marsica fucense

A far accendere la spia rossa bastano i dati. Con l’ultimo “Piano regionale attività estrattiva” in Abruzzo sono state censite 246 cave attive e addirittura 499 abbandonate e dismesse. La maggiore densità si ha nell’area sottostante Alba Fucens, nei comuni di Massa D’albe, Magliano e intorno all’aviosuperficie di Celano. Buchi che fanno la fortuna di pochi ma che di fatto – per la collettività – rappresentano un disastro paesaggistico e ambientale… [ CONTINUA A LEGGERE ]


Satellite: 23 giugno 2011
Satellite: 23 giugno 2011

Circonfucense: cosa è stato smaltito tra Trasacco e Luco?

L’area in questione è situata in comune di Trasacco a confine con il territorio di Luco, lungo il tracciato della strada circonfucense, a meno di 500 metri dall’imbocco di strada 39 e prospicente i ruderi del Casotto di guardia n. 14[ CONTINUA A LEGGERE ]


ORTUCCHIOMarsica terra di smaltimenti illegali di rifiuti? Da dove partono, chi li trasporta e dove finiscono

Anche per i rifiuti che sempre più spesso finIscono nella Marsica vale la vecchia regola: c’è chi li produce, chi li trasferisce e chi li smaltisce. E’ in questi tre passaggi che spesso si annida il malaffare e l’impronta della camorra. [ CONTINUA A LEGGERE ]


Interno capannone nucleo industriale di Avezzano, via Nobel. Gennaio 2015
Interno capannone nucleo industriale di Avezzano, via Nobel. Gennaio 2015

RIFIUTI – Incendio “Eco X”: da Pomezia ad Avezzano

Se si guarda oltre la densa nube tossica sprigionata dall’incendio dell’impianto di trattamento di rifiuti di Pomezia, c’è un episodio che fa suonare un campanello d’allarme anche nella Marsica. E’ il 13 gennaio 2015 quando i militari delle Fiamme gialle della compagnia di Avezzano s’imbattono per caso in due tir… [ CONTINUA A LEGGERE ]


collelongo 1L’ombra della camorra sulla discarica di Collelongo?

Il via vai di camion che scaricano rifiuti, anche di notte, nell’ex cava “Le grottelle” di Collelongo, risale al marzo 2014. Il traffico non sfugge agli abitanti e, il 23 settembre 2015….

[ CONTINUA A LEGGERE ]


AAA – Celano, 25 ettari di discarica abusiva offresi

CELANOCelano come Gomorra? Può sembrare una provocazione ma non lo è. Alle porte della ridente città castellana, da anni è attiva una discarica abusiva di oltre 25 ettari che farebbe impallidire anche un Gaetano Vassallo, il re degli imprenditori dello smaltimento illegale di rifiuti.

[ CONTINUA A LEGGERE ]


Print Friendly
CONDIVIDI