Due semplici domande ad Aciam S.p.A.: attendiamo risposta

Riceviamo e pubblichiamo

Due semplici domande ad Aciam S.p.A.

Attendiamo risposta
A.C.I.A.M. S.p.A.
Amministratore Delegato
Dott. Alberto Torelli

——–

Oggetto: Proroga conferimento rifiuti del bacino Aciam S.p.A. a Lanciano

In ordine all’oggetto, si chiede – ai sensi della vigente normativa in materia di pubblicità e di accesso agli atti e all’informazione di carattere ambientale (richiamato inoltre lo status dello scrivente nel ricorso instaurato dinanzi il TAR avverso l’A.I.A. del progetto di discarica di Valle dei fiori) – accesso alla documentazione di seguito indicata, ai punti a) e b).

a) In relazione alle notizie di stampa oggi [31 marzo 2011] pubblicate su organi locali di informazione:
«Avezzano. L’Aciam scongiura l’emergenza rifiuti e trova un accordo con la Cerratina di Lanciano per scaricare i rifiuti fino a dicembre. Oggi dove scattare l’ora x per i rifiuti marsicani in vista della chiusura della discarica di Lanciano. Luigi Ciaccia, presidente dell’Aciam, si è invece accordato con i responsabili della discarica ottenendo il consenso a scaricare a Lanciano fino a dicembre. Per sette mesi ancora i rifiuti marsicani finiranno a Lanciano, poi si dovrà trovare una soluzione. La speranza dell’Aciam è che si possa sbloccare il ricorso presentato al Tar dal Wwf e da “Il Martello del Fucino” e possano partire i lavori a Valle dei fiori. Ciaccia ha assicurato intanto che il costo dello smaltimento dei rifiuti a Lanciano nei prossimi mesi rimarrà invariato» (fonte: http://www.marsicalive.it/?p=5251)
si chiede di visionare ed avere in copia gli atti formali e preparatori intervenuti per ottenere detta proroga, sia con il preposto Servizio della Regione Abruzzo sia con il Consorzio comprensoriale smaltimento rifiuti di Lanciano (e/o Ecolan S.p.A.), con particolare riguardo all’accordo sottoscritto con i ricettori del rifiuto di Aciam S.p.A., indicanti in ogni caso in quale data sia, l’accordo, stato chiuso e per quale corrispettivo economico.

b) A proposito del trasporto dei rifiuti della Marsica a Lanciano – oggetto principale se non unico delle doglianze di codesta Società per la mancata realizzazione della discarica di Valle dei fiori – si chiedono delucidazioni su quanto affermato dall’ex presidente avvocato Loreto Ruscio in data 22 febbraio u.s.:

«sarebbe opportuno che il trasporto dei rifiuti a Lanciano, attualmente espletato da una ditta di Reggio Emilia, sede di uno dei due soci privati di ACIAM spa, venisse assegnato con gara europea, visti i costi che comporta»
(fonte: http://www.marsicanews.it/index.jsp?inizio=1&id=241&dettaglio=13332)

ovvero se detto trasporto (servizio/lavoro) sia svolto attraverso il complesso aziendale proprio dell’Aciam S.p.A. (cd. internalizzazione) oppure, come sembra adombrare la dichiarazione dell’avvocato Ruscio, tale trasporto sia affidato a terzi. Oltre all’ammontare degli oneri derivanti da tale trasporto, in quest’ultimo caso si chiedono altresì gli atti attraverso i quali si è proceduto ad indicare/individuare detta azienda, e ad incaricare quindi “la ditta di Reggio Emilia” del servizio di trasporto.

Il Martello del Fucino

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email