“Democrazia vera ora”. Le rivolte arabe arrivano in Spagna

Madrid – Reportage del nostro inviato Luigi Venti

E’ la «primavera spagnola». Dal 15 maggio in 5.000 occupano con bivacchi la piazza di Puerta del Sol a Madrid al grido di: “Democrazia vera ora” e “Yes, we camp“.

img_7841.jpg

Migliaia di giovani, pensionati, famiglie intere, protestano insieme contro il sistema politico-finanziario, i tagli determinati dalla crisi, il forte bipolarismo parlamentare, la corruzione, le banche, la legge elettorale. Una piattaforma di rivendicazioni che per l’Italia sarebbe ancora più giustificata.

La capitale spagnola è l’epicentro, la piazza Puerta del sol è il “punto zero”. Ma la protesta è esplosa in contemporanea anche in altre quaranta città spagnole, da Madrid a Barcellona, da Granada a Saragozza. E ovunque le forze dell’ordine non riescono a sgomberarli dalle piazze.
La rivolta pacifica, preparata con un tam tam virtuale su internet e i social network sul modello delle rivolte nordafricane, si sta estendendo rapidamente anche in Spagna, inarrestabile.
Se funziona nei paesi arabi – dicono i partecipanti all’eterogeneo movimento ribattezzato, dalla data di inizio della protesta, “15 M” – perchè non dovrebbe funzionare in Europa?

img_7853.jpg

img_7861.jpg

img_7870.jpg

img_7871.jpg

img_7873.jpg

img_7888.jpg

img_7898.jpg

img_7899.jpg

img_7908.jpg

img_7921.jpg

img_7926.jpg

img_7931.jpg

img_7945.jpg

img_7947.jpg

img_7949.jpg

img_7953.jpg

img_7954.jpg

img_7955.jpg

img_7957.jpg

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email