Angelo De Zanet: il “Premio Avezzano” merita serietà

COMUNICATO STAMPA


PREMIO AVEZZANO – In merito alla presentazione del cosiddetto “Comitato Tecnico Scientifico” che dovrebbe organizzare una nuova edizione del Premio Avezzano, concordo con quanto detto da Don Aldo Antonelli per ciò che riguarda il Sig. Del Turco, aggiungendo soltanto che il reinserimento non spetta agli amici politici ma ai servizi sociali.

Tornando al Comitato, credo che la manifestazione meriti maggiore rispetto e qualcosa di meglio in termini di serietà e scientificità.

Alcuni componenti sono stati tirati per i capelli a partecipare e altri non avrebbero dovuto essere neanche presi in considerazione, visti i danni già arrecati in passato. Probabilmente i componenti del CDA, a proposito il Sig. De Angelis ha letto il regolamento del Premio? Forse qualcuno degli Eletti non avrebbe neanche i titoli per farne parte, non conoscono le problematiche della rassegna, o, se le conoscono hanno sempre taciuto: meglio non infastidire il conducente. L’unica cosa che il Sig. Sindaco ha detto, pensando di fare cosa buona politicamente, è il riferimento ai giovani artisti locali: errore Sig. De Angelis, studi la storia del Premio e si accorgerà che i vari artisti locali, oltre ai meriti, hanno rappresentato una palla al piede.

Si poteva fare meglio nell’approccio all’organizzazione della rassegna? Sicuramente si; esiste una proposta molto seria presentata nei giorni scorsi che garantendo qualità , serietà e scientificità, teneva lontano dall’osso i cani che hanno sempre cercato di rosicchiarlo. Perché questa opzione non è stata presa in considerazione? Meditate gente meditate.

Avezzano, 27/01/2018

Approfondimenti: VICENDE E STORIA CRITICA DEL PREMIO AVEZZANO 1949–2001


Angelo De Zanet

POPact [Eventi ad Arte]

Commenti su Facebook
Print Friendly, PDF & Email